Archivi Blog

Cittadini si rimette in gioco: sarà il lungo di Civitavecchia

Fonte: Il Piccolo a cura di Raffaele Baldini

Molti si sono chiesti che fine avesse fatto Alessandro Cittadini. Ebbene anche lui fa parte della scelta post CoVid-19 di ridimensionare lo staff tecnico biancorosso, con silenziose uscite di scena e poco riconoscenti (non) saluti di commiato. Il “sacro fuoco” evidentemente ardeva sotto la le vesti da allenatore del “Citta”, tanto che troppe volte (per un ex giocatore) veniva visto correre su Viale Miramare ben oltre la volontà di un mantenimento fisico. E così a 41 anni di età, l’uomo nativo di Perugia si rimette in gioco nei panni di giocatore in serie C Gold a Civitavecchia, nella società Ste.Mar 90. Il contatto tramite l’allenatore Ferdinando De Maria, entusiasta all’idea di avere nel roster un lungo di esperienza e classe come Alessandro, stima reciproca esternata da Alessandro in sede di presentazione: “ho scelto voi (Ste.Mar 90 ndr.) perchè conoscevo il coach e ho avuto referenze ottime sulla serietà della società. La squadra ha sempre disputato campionati ad alto livello ed ha ottime ambizioni per il futuro. Sono orgoglioso di essere stato la prima scelta di Civitavecchia nel ruolo e la cosa mi riempie di responsabilità. Sono felicissimo di tornare a giocare dopo un anno di stop e mi emoziona farlo per la prima volta in vita mia vicino a casa”. Da una parte il vasto pubblico triestino non può che essere orgoglioso di questo slancio passionale del “Citta”, dall’altro rimane l’amaro in bocca per un uomo che ha dimostrato valori umani e sportivi degni di nota, che aveva tutta la volontà di chiudere il cerchio accasandosi a Trieste e che poteva essere molto utile alla causa triestina.