Archivi Blog

Il Ministro e le dimenticanze, Supercoppa dal basso profilo e Roma nuovamente in alto mare

Fonte: Il Piccolo a cura di Raffaele Baldini

Proprio non ce la fa il Ministro Vincenzo Spadafora a considerare gli sport indoor, quindi “minori”, nelle esternazioni per la ripresa sportiva post CoVid-19. In una recente intervista apre senza mezzi termini alla riapertura degli stadi con pubblico, ovviamente con una capienza ridotta (fra il 25 e il 40%) e con tutte le misure di sicurezza possibili. Purtroppo nessun cenno al macro-cosmo che gravità attorno all’attività agonistica delle palestre o dei palazzetti; il partito degli ottimisti interpreta il protocollo calcistico come una via maestra per tutti, ma ad oggi segnali su ripresa e defiscalizzazione non ce ne sono. La volontà del Ministro Spadafora è quella di portare al consiglio dei Ministri entro metà agosto la riforma, per dare a tutti il tempo di allinearsi e studiare la migliore strategia societaria. La LBA nel frattempo sta cercando di divincolarsi fra calendario e emergenza sanitaria, trovando un escamotage pe la Supercoppa da giocarsi presumibilmente a partire dal 29 agosto 2020.  Visti i possibili ritardi, con arrivo alla spicciolata dei giocatori stranieri, vincolati da una possibile quarantena per chi viene dagli USA o dalla Serbia (per esempio), il Presidente Umberto Gandini sta pensando di proporre alla prossima assemblea di Lega del 4 agosto una deroga (per il primo turno ndr.) in vista del primo evento ufficiale della stagione; non più 10-12 contratti depositati, ma basteranno 6, un modo come un altro di venire incontro alle esigenze dei club ma anche un pericoloso boomerang per lo spettacolo. Sempre perchè di questi tempi quando piove…grandina, la Virtus Roma vede riaddensarsi di nubi il cielo sopra la propria testa; i fantomatici investitori abruzzesi sembrano volatilizzati, torna in auge, più per disperazione che per reale avanzamento della trattativa, l’imprenditore laziale che favorirebbe una possibile proroga da parte di Fip e Lega Basket per l’iscrizione al campionato; ovviamente ciò varrebbe anche per la Vanoli Cremona. Insomma, di stabilità non se ne parla, di proroghe e deroghe quante si vogliono.