Archivi Blog

Trieste insegue il talento Davide Casarin?

Venezia - BresciaFonte: Il Piccolo a cura di Raffaele Baldini

Sembra paradossale, nell’irreale situazione sportiva stroncata anticipatamente per “coronavirus”, le società comunque si muovono per far quadrare conti e programmare, per quanto possibile, la stagione a venire. Certamente l’ultimo dei pensieri sarà rivolto agli stranieri, blindati nella madre patria, e forse messi in discussione (a livello numerico ndr.) dalla possibile riforma del movimento cestistico italiano. Molto più importante il lavoro sugli indigeni, per cui c’è già la Virtus Bologna in pressing su Awudu Abass. Anche l’Allianz Trieste cerca di rinverdire la regia con competenze nostrane: dal rientro nei ranghi di Matteo Schina alla suggestiva voce che porterebbe a Davide Casarin, fulgido talento classe 2003, figlio del presidente della Reyer Venezia Casarin. Ovviamente l’intercessione avverrebbe grazie ai buoni uffici di Eugenio Dalmasson con la società lagunare, seppure l’operazione (chiaramente nei termini di prestito) è lontana dal trovare felice compimento. Il giovane esterno classe orogranata, in questa stagione, ha “bagnato” l’esordio nella massima serie con quattro presenze e 4 punti, con il 100% dal campo. La Reyer Venezia ha investito sul play/guardia convintamente, tanto da spingere Luigi Brugnaro a inserirlo nei 12 per la stagione 2020/21, ma ad oggi risulterebbe essere il sesto elemento del reparto esterni; un’eventuale soluzione triestina darebbe al ragazzo la possibilità di mettersi in mostra  con minuti importanti in una piazza nobile, appassionata e sensibile al fisiologico percorso di crescita di un giovane. Tutto quindi dipenderà dalla “casa madre”, dall’effettiva volontà di coach De Raffaele di dare minutaggio a Davide; se Venezia opterà per una soluzione alternativa, Trieste sarebbe la destinazione più gradita.