Archivi Blog

Pagelle Allianz: Konate manca tanto, Banks tiene a galla Trieste per un tempo, il resto…poca roba

Fonte: Il Piccolo a cura di Raffaele Baldini

CAVALIERO, voto: 5/6
Sempre in tangenziale, lontano dal poter incidere offensivamente. La desuetudine a mirare il ferro lo porta ad eseguire conclusioni con il “braccino”. Due triple ridanno colore alla prestazione del capitano.

DEANGELI, voto: n.g.

FERNANDEZ, voto: 5
Sembra pagare quel leggero carico atletico fatto nei primi giorni post Brindisi. Senza alzare i piedi da terra produce qualche canestro, ma l’argentino è ancora lontano parente dal giocatore faro della squadra.

SANDERS, voto: 6
“Ordinatamente istintivo”, insospettabilmente utile anche in chiave difensiva. Continuo a sostenere che il play americano potrebbe fare ancora più male in penetrazione, denotando una sempre più affinata capacità nelle assistenze. Presenza “piattina” sul parquet.

MIAN, voto: 4/5
In assenza di Campogrande deve prendersi responsabilità oltre il richiesto, e il risultato è sempre forzato. 2/6 dal campo in 27 minuti di utilizzo (un’enormità) e -5 di valutazione la dicono tutta.

BANKS, voto: 6
Se non fosse per alcune palle perse da novizio, il primo tempo è un concentrato di leadership: 10 punti, 2 errori dal campo, 5 rimbalzi e 2 assist e uno sfondamento preso. Nel secondo tempo gli viene chiesto anche di portare la croce (dopo aver cantato), ma non ha più le forze e getta ulteriori palloni nella braccia degli avversari.

GRAZULIS, voto: 5
Rifiuta un paio di triple “aperte”, segno che l’istinto del killer viene eclissato da una versione meno tignosa. Come sempre, la versione “soft” confeziona uno scout eloquente: 7 punti, 3/9 dal campo e 6 rimbalzi. Difesa sotto il consueto livello.

LEVER, voto: 5/6
Pulito, troppo pulito…”candeggino”. Due bei canestri su movimenti educati ma l’impressione che non ci sia la cattiveria giusta per convincere coach Ciani a sfruttarlo di più. L’area è una tonnara, non un laghetto di pesci rossi.

DELIA, voto: 6
Presente sia a rimbalzo che in fase offensiva nel primo tempo, soprattutto nelle prime battute. Esegue il compitino ma non mette i centimetri a cospetto di Jones, sanguinosa concessione all’avversaria. 15 punti e 5 rimbalzi alla fine, numeri che parlano più di quello che realmente ha dato nel contesto della partita.

All. CIANI, voto: 5
Perdere il possibile dominatore della serata (Konate ndr.) il giorno prima non è un bel viatico alla serata marchigiana. Macchinosi ingressi ai giochi, segno che qualcosa è stato cambiato in settimana, o addirittura nelle ultime ore. Difesa lontano ricordo della bella versione con Brindisi. Va bene pretoriano, ma Mian troppo in campo.