La Trieste dalle due facce, quale sarà quella del campionato?

medagliaL’altra faccia della medaglia

Insomma, abbiamo imparato a conoscerla. Abbiamo trascorso la “prima settimana” d’innamoramento, dove anche gli scatti isterici suonavano come “adorabili esternazioni intrise di personalità”; ora suonano molto diversi. Lo sguardo che nella prima settimana dipingeva sul volto cuoricini foderati di salumi, ora assume connotati indagatori, scruta a fondo prima dell’irreparabile.

La Pallacanestro Trieste 2004 è l’amante ideale di tutti gli appassionati di basket giuliani; nella “prima settimana” la squadra è stata un idillio: Grayson ha assunto le sembianze di Larry Wright, Holloway quelle di Faried e la cantera su cui poggiava un progetto credibile, di assoluto livello. Dunque necessario riequilibrare l’emotività del momento, e ora è possibile farlo dopo un percorso, seppur breve. I segnali positivi ci sono, eccome. Issiah Grayson è attaccante affidabile, tante armi in faretra, personalità e ritmo a cento all’ora. Murphy Holloway è giocatore diverso, dall’andamento sinusoidale nell’arco della partita, presente e assente alla stessa maniera ad intervalli regolari; potenza ne ha, va dentro solo di sinistra ma se metabolizza due-tre movimenti nel ruolo di “4” che gioca da “5”, siamo in una botte di ferro. L’apoteosi della “luna di miele” estiva (questa si, duratura) la si ha registrando le prestazioni di Stefano Tonut: strepitoso per mentalità e approccio al gioco, attacca come mai prima ad ora il ferro, ricorda un Alessandro Gentile meno potente ma più agile (e non è un azzardo!), un autentico posseduto in missione. Qualora mantenesse questa “fame”, la stagione per il figlio d’arte sarà una lunga Croisette verso i piani superiori.

La cantera dicevamo. Francesco Candussi a prestazioni degne di nota alterna altre di totale assenza; quello che preoccupa di più non è la pochezza dello score, ma la mancanza di “cattiveria” sul parquet, indispensabile per non risultare inadeguato, soprattutto con fisicati come gli sloveni dell’Olimpia. Idem dicasi di Akele, alle prese con alti e bassi normali per la sua età, ma con la necessità impellente di imparare a tirare; oggi e a questi livelli non è pensabile che un giocatore di seconda serie non sia educato a questo fondamentale… fondamentale!

Poi ci sono considerazioni ovvie: capitan Carra fa fatica in questa fase della stagione ma ha le chiavi per gestire corpo e testa per quando conta; diverse volte può essere etichettato come “ormai vecchio”, fino a quanto zittisce 4500 a Torino con un coast to coast al quarantesimo minuto. Ovvio è anche il tempo fisiologico per inserire nel sistema dalmassoniano Marini, giocatore con assoluti numeri ma alle prese con un ambientamento tecnico evidente.

Daniele Mastrangelo in rodaggio dopo l’infortunio appare ancora poco brillante e non in grado di sprigionare l’atletismo consueto; tanti mesi di inattività per un giocatore che fa del “mezzo” il suo punto di forza, presenta il conto per un prezzo da pagare.

Max Fossati da statua equestre per abnegazione non può e non potrà essere un terminale della squadra, mentre Andrea Coronica appare in evidente calo di autostima. Per i restanti virgulti, nessuna pretesa e nessuna aspettativa, solo di vivere sereni l’emozione di un’avventura in prima squadra.

Quindi?

Quindi l’impressione del sottoscritto non si discosta troppo dalle origini: è una squadra costruita benissimo per i soldi a disposizione (cioè, zero), potrà fare divertire per caratteristiche, ma necessita come il pane di un’altra competenza cestistica a disposizione. Si, come diceva coach Dalmasson, un elemento QUALITATIVO a prescindere dal ruolo che dia maggiore struttura al roster, perchè ci saranno partite come quelle contro la Reyer e tutto filerà liscio, altre come contro l’Olimpia, e saranno seratacce da incubo. Ah si, comunque… una doccia gelata come quella di ieri contro gli sloveni, è la miglior medicina a questo punto della preparazione, fidatevi!

Raffaele Baldini (www.cinquealto.wordpress.com)

Pubblicato il settembre 16, 2014 su HighFive, News. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: