Ai tre passi di Rooo…mà!

dax_megafonoChe nessuno si muova, questa non è una rapina, è il placido mese di Giugno. L’unico posto caldo (e non per questioni atmosferiche) è la palestra di Via Locchi, dove coach Dalmasson testa giovanissimi e papabili giocatori senior per la prossima stagione. Tornato in patria Plater (consensi ma non esaltazioni), qualche interessante segnale da Armin Mazic e da Lorenzo Baldasso, la sensazione è che ancora si debbano vedere i componenti del roster 2015/16. Per Vincenzo Pipitone sembra esserci un accordo fra gentiluomini, per cui l’affare dovrebbe essere cosa fatta.

Pallide come un irlandese a Dicembre le possibilità di rivedere capitan Carra in maglia biancorossa, la scelta presa sembra avere motivazioni solide e nessun ripensamento; chi l’avesse visto allenarsi ultimamente, è solamente per una partita a Reggio fra amici da disputarsi a breve. Comunque è giusto così, senza potere di firma e senza cassa, l’unica cosa è lavorare sui presenti, sondando il terreno pro futuro.

La campagna abbonamenti viaggia avvolta nel mistero, così come è stata “lanciata” l’indomani della presentazione: da questo punto di vista siamo al minimo sindacale di pubblicità, non si ha traccia di testimonial e come sempre ci si aspetta che il tifoso si autocombustioni. Certamente la proiezione per la prossima stagione è accattivante, con un possibile derby con Udine (ormai fatta l’acquisizione dei diritti), con il rientro nell’elitè di società come la Fortitudo Bologna, Siena e la stessa Treviso. Basta questo per spingere l’appassionato al Ticket Point?

Certo che no, e non potendo essere la ridda di grandi nomi sul mercato a far da traino, gioco forza tutto è riversato al “messaggio” che viene mandato. La memoria di chiunque è una memoria a breve gittata, l’entusiasmo per i play off contro Brescia è già sopito, unica via rianimare la brace che arde sotto la cenere. Peraltro la contingenza economica ha portato diverse società a sposare la campagna abbonamenti anticipata, con la differenza, vedi Brescia per esempio, che il supporto mediatico è cento volte più credibile.

Dopo sarò io il fastidioso (ed è vero), sarò io quello che non sa (ed è vero), e non posso certo avere il potere di convincere la gente della straordinaria stagione che potremmo andare a vivere in seconda serie; quindi, non siamo al gioco “ai tre passi di Roma” (per i più giovani…non preoccupatevi, gioco da preistoria), chi sta più fermo perde, e perde tanti abbonati!

Raffaele Baldini (www.cinquealto.wordpress.com)

Pubblicato il giugno 13, 2015 su HighFive, News. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: