“Trieste – sogni & canestri”

“Trieste – sogni & canestri”

sogniecanestriL’ultima fatica di Roberto Degrassi, “Trieste – sogni & canestri”, in vendita nelle librerie triestine, e’ una raccolta di aneddoti cestistici che mancava a Trieste; si, perche’ e’ incredibile come una citta’ che vive di pallacanestro abbia prodotto cosi poca letteratura a riguardo. Sapete il mio punto di vista a prescindere, questo libro dovrebbe essere considerato alla stregua di un sussidiario, vero e proprio libro di testo per qualsiasi giovane sportivo. Solo con la CONOSCENZA si puo’ costruire una passione, solo con la CONOSCENZA si comprendono le logiche di uno sport che veramente ha fatto impazzire una citta’.

La lettura e’ scorrevole e appassionante, confesso di averlo divorato in un giorno solo, immedesimandomi in situazioni che ho vissuto da spettotore, o altre solo sentite da persone piu’ mature di me: il mito di Laurel e le bizze di “bad news” Barnes,  il sequestro di Jones o il “faccia a faccia” fra Burtt e…. (a proposito, con chi ce l’aveva? Ho un sospetto…), passando per squadre lontane ere geologiche dal basket moderno, e molto piu’ impersonale, del dopo Bosman. Leggendo molti dei piu’ giovani capiranno come mai il leone nero-verde dell’Hurlingham ancora suscita passionalita’ vera, un manipolo di atleti che avevano una connotazione forte, dai fenomeni d’oltreoceano al musicista (Angelo Baiguera ndr.), fino al coach livornese Dado Lombardi dal carattere…toscano. Poi l’era Stefanel e dell’imborghesimento cittadino, fenomeni come Bodiroga, Fucka, Meneghin, Gentile a cospetto di una scuola slava di profonda personalita’ come quella di Tanjevic e Nikolic e un progetto ambizioso. Infine il triste epilogo di una parabola gloriosa chiusa con un fallimento, dal suo orgoglioso portabandiera quale Ivo Maric al funambolico Conrad Mc Rae, showman del parquet cha ha lasciato uno struggente ricordo in tutti noi.

Uomini e storie, situazioni comiche che si intrecciano con altre tristi, passando per alcune grottesche, raccontate senza artifici o esagerazioni, proprio per rendere veraci i mini racconti; le 142 pagine di “Trieste – sogni & canestri” sono un concentrato di emozioni che potranno essere rilette ogni qualvolta l’appassionato cestista avra’ bisogno di sensazioni forti, proprio come e’ stato negli otto anni di oblio nella terza e quarta serie nazionale di recente memoria. Libro che dovrebbe essere il “vademecum etico” per i depositari delle societa’ di qui a venire, far capire che il prolungamento di quella tradizione ha radici importanti che non possono essere trattate come merce di poco conto….volente o nolente, e se ne facciano tutti una ragione, Trieste ha il medesimo peso storico di una Fortitudo, di una Virtus, perche’ la storia non e’ fatta solo di trofei, ma anche di uomini e situazioni.

 

Roberto Degrassi accettera’ una sana critica (fra il serio ed il faceto): c’e’ ancora tanto da raccontare sulla storia del basket triestino per aneddoti, le 142 pagine potevano essere il doppio o il triplo, forse la “fame” del sottoscritto e’ divenuta leggendo ingordigia, e allora l’esortazione va nella direzione di scriverne altri, raccogliendo testimonianze di protagonisti veramente divenuti personaggi come Lombardi, Tanjevic, De Sisti, Meneghin, Laurel, Bodiroga… o altri che silenziosamente hanno prodotto talenti senza per forza avere i riflettori puntati, e parlo di Micol, Franceschini, Pistrin, Stibiel…

 

“Trieste – sogni & canestri” e’ un gran bel motivo per fare o farsi un regalo di Natale, rivolto a chi non ha vissuto quelle epoche o chi vuole rinverdirle, uno spaccato cittadino di pallacanestro che restera’ indelebile nella storia.

 

Raffaele Baldini (www.cinquealto.wordpress.com)

Pubblicato il dicembre 26, 2012 su HighFive, News. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: