Spauracchi americani, vittoria a tutti i costi e sforzi comuni

Non saranno tutti James, però…

mal-di-testa-da-vacanzaNon penso che vi siano troppi dubbi sul fatto che Delroy James abbia scelto la serata di domenica per confezionare la partita della vita, un mostruoso 42 di valutazione fatto di 36 punti e 11 rimbalzi, oltre che di una decisività evidente. Però un aspetto delle ultime due gare disputate dalla Pallacanestro Trieste 2004 senza i due stranieri ha denominatore comune: James 36 e 11, Giddens 16 e 14  e Jenkins 25 punti, segno che il binomio americano-atleta fa molto male alla difesa giuliana. Posto che Thomas e Brown non sono i prototipi dei difensori modello (il primo un po’ più dedito alla causa), la questione sembra aperta: Trieste per sperare di vincere le prossime partite deve tenere le avversarie ai 60 punti, ma è possibile con il materiale umano a disposizione di coach Dalmasson? Diciamo che per quanto concerne il reparto guardie potremmo dire di si, Mastrangelo, Carra, Mengue, Coronica e Tonut hanno discrete gambe per limitare la pericolosità altrui, diverso se parliamo di ali forti (e magari tecniche): deserto assoluto, Fall è verticale ma poco esperto per marcare attaccanti tecnici, Mescheriakov lento di gambe, ideale sarebbe stato il Moruzzi della situazione.

Serve una vittoria come il pane

Non parlo ovviamente di classifica ma di questioni psico-attitudinali; l’Acegas di questi tempi è una macchina che ha ancora nel serbatoio il carico di benzina fatto in fase invernale, ha inerzia per quello che concerne lo spirito con cui affronta i match, e sa benissimo che da qui in avanti potrà rifornirsi (dal solo punto di vista emotivo), ogni quindici giorni della carica del PalaRubini. Le sconfitte debilitano, testa e cuore, il perdurare di risultati che non arridono a Carra e soci potrebbe veramente rendere ogni giorno in palestra un incubo fino a fine stagione. Per cui l’augurio di tutti è che la truppa di coach Dalmasson riesca a centrare una vittoria prossimamente, in qualsiasi modo, purchè ci sia il foglio rosa alla fine. In questo un ruolo fondamentale l’avranno le chiocce del gruppo, da capitan Carra a Davide Cantarello, gente di personalità ed esperienza che ben conoscono questi sottili aspetti del gioco.

Sforzo dei giocatori, sforzo del pubblico….

Abbiamo già parlato di quello che aspetta giocatori e staff nel prosieguo della stagione, quello che è molto importante è anche l’aspetto legato agli appassionati: delusi, arrabbiati ma pur sempre passionali, i tifosi di basket sono chiamati anche loro a fare un ulteriore sforzo per non veder sfuggire l’oggetto del proprio trasporto nel dimenticatoio generale. Ho sempre sostenuto che il deterrente principale a qualsiasi manovra di smobilitazione o chiusura è quello della presenza attiva, far capire “fisicamente” quanto la pallacanestro a Trieste sia un tesoro da preservare, tanto da alzare il livello di responsabilità nei vertici. Per cui l’augurio è che il pubblico del PalaRubini accetti questa sfida, dimostrando che nei momenti difficili è più forte l’appartenenza, così come è stato dimostrato dalla “Fossa” della Fortitudo in quel di Milano: per capirci 250 persone si sono armate di buona volontà e hanno raggiunto il teatro delle finali di Coppa Italia solo ed unicamente per far sentire la propria voce e per rivendicare un ruolo storico nel basket fortitudino. Non è il momento di piangersi addosso, non è il momento di polemizzare ad oltranza, è il momento di convincere chi vorrebbe entrare nel sodalizio giuliano che Trieste è una città dove il cuore cestistico pulsa eccome, far capire che investire in città se non è un affare economico del secolo, è comunque l’avventura più coinvolgente da vivere!

Raffaele Baldini (www.cinquealto.wordpress.com)

Pubblicato il febbraio 12, 2013 su HighFive, News. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: