Passione in rosa, futuro e i talenti locali in mostra

Toh, esiste anche il basket femminile

standing ovation... (foto D.Cechet)

standing ovation… (foto D.Cechet)

Lo ammetto senza mezzi termini: con la serata di ieri, il sottoscritto ha presenziato ad un evento cestistico in rosa per la terza volta…in diversi anni! Si, perché c’è sempre un velo di snobismo nell’affrontare l’argomento, anche magari con delle fondamenta, ma pur sempre pregiudizievole. Ho potuto constatare che il cuore degli appassionati di pallacanestro femminile batte, e batte forte; la partecipazione è capillare ma leggermente più silenziosa di quella al maschile. E come sempre Trieste di fronte a pagine di storia importanti, intrise di sano campanilismo per delle protagoniste giovani e triestine, ha risposto alla grande: 2500 almeno i tifosi a scaldare il Palatrieste, una curva trascinante a dir poco, l’orgoglio ritrovato di una città. Poi quel nome, Società Ginnastica Triestina, tre parole che nella storia hanno riempito le bacheche nobili della pallacanestro, un sodalizio che ha cambiato forma e padroni ma che ha mantenuto un’aura luminosissima. La promozione in serie A1 vissuta ieri è la miglior medicina per gli scettici, l’ideale trampolino di lancio ad un movimento che aspettava solo questo, la tradizione cittadina tornata in auge!

L’indomani del trionfo, la domanda più ovvia: ci sarà futuro?

Una domanda, sempre la solita: la SGT potrà avere un futuro nella massima serie? Qualche battutaro potrebbe dire che hanno avuto 25 anni per pensarci, la realtà è che senza ombra di dubbio non si possono sciogliere le riserve in una sera. Le casse, come per il 90% delle società sportive di pallacanestro lungo lo stivale, sono aride; la Pallacanestro Trieste 2004 catalizza per logica le minime risorse cittadine, e Calligaris non può certo coprire l’esborso di una massima serie. Pur con queste premesse, i rumors dicono che l’A1 si farà, con un budget gravitante fra i 300 e i 350 mila euro, cercando di sfruttare al massimo le risorse locali (qualche arrivo da Muggia?). Trovo che sia giusto così, un traguardo così importante merita riconoscenza, le stesse istituzioni debbono appoggiare un vanto cittadino, a qualsiasi costo.

Incredibile similitudine: Ruzzier e Tonut al maschile, Romano, Gombac e Zecchin al femminile

Se esistesse uno strumento per misurare il grado di personalità concentrato nel corpo delle persone, i prodotti locali targati Trieste sarebbero intrisi alla saturazione. Impressionante il loro grado di incidenza: Michele Ruzzier, da solo, ha portato alla salvezza la Pallacanestro Trieste 2004 nella sfida decisiva contro Forlì, il trio di coach Giuliani ha inciso nei momenti chiave di gara 3 contro Torino. Mi perdoneranno la Romano e la Gombac, di cui abbiamo tessuto le lodi in passato, ma i minuti giocati dalla Zecchin sono un manifesto di intraprendenza: subito un “rovescio” alla Di Giacomo per prendere posizione vicino a canestro, penetrazioni senza paura, punti dal peso specifico impressionante e un’incoscienza degna di nota. Per dirla pugilisticamente, la Romano e la Gombac hanno lavorato ai fianchi l’avversaria, la prima nelle consuete penetrazioni e la seconda da oltre l’arco, la Zecchin ha definitivamente mandato al tappeto Torino. Tergeste-rules…

E una sinergia per gli appassionati?

Posto che sarebbe molto complesso riunire sotto lo stesso sodalizio società maschile e femminile di pallacanestro cittadine, merita fare uno sforzo in più per creare una sinergia fra appassionati. Il valore aggiunto dal caldo abbraccio del Palatrieste è sotto gli occhi di tutti: a mia memoria non c’è stata una partita decisiva giocata sotto le volte dell’impianto di Via Flavia, che ha visto soccombere l’espressione sportiva locale. Per cui, in un’epoca di ristrettezze economiche, merita pensare soluzioni d’abbonamento valide sia per la Pallacanestro Trieste 2004 che per la SGT, scontato e accessibile, un modo come un altro per non disperdere il numero di tifosi fra due realtà importanti, ed assimilabili.

Raffaele Baldini (www.cinquealto.wordpress.com)

Pubblicato il maggio 4, 2014 su HighFive, News. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: