La prima in casa: il valore di un test già importante!

10565006_10202481833912298_3544053892094871181_nArriva Veroli, arriva la diretta della LNP e il tutto nella cornice mediatica della Barcolana. La prima in casa ha sempre un fascino particolare: si rivedono facce note, c’è quella sana curiosità di vedere i propri beniamini all’opera, c’è quel timore latente di non avere una squadra all’altezza del campionato. In una parola, queste sono “sensazioni”, sono il sale dello sport, e meritano di essere vissute.

La Pallacanestro Trieste 2004 si presenta al Palatrieste povera ma sincera, nessuno artificio per vendere una confezione ricca dal contenuto inversamente proporzionale; è comunque la squadra della città, la prima realtà per importanza in Regione, checchè se ne dica un vanto per una Trieste sempre più avara di ricchezze locali. E paradossalmente Veroli rappresenta l’avversaria più significativa, una compagine che anch’essa cerca con le unghie e con i denti una salvezza, con uno stuolo di giovani di belle speranze (dalla collaborazione con la Stella Azzurra Roma).

Entrambe se la giocano ad armi pari, nel senso che i “cantieri” cestistici sono stati aperti da poco (Trieste molto prima ma senza gli attuali effettivi), che vivono delle prestazioni dei due americani (sia in senso positivo che negativo), che insomma fanno di necessità virtù. La squadra di coach D’Arcangeli ha rimediato una pesante sconfitta alla prima contro Verona (plausibilissimo alla luce dello stato di forma e della struttura degli uomini di coach Ramagli), mentre la truppa agli ordini di Dalmasson si è sciolta in quel di Casale Monferrato, senza neanche opporre resistenza.

Voglia di riscatto, necessità di conquistare punti importanti e test probante per saggiare la crescita del progetto, ingredienti sfiziosi per la sfida di domani al Palatrieste. Sarà anche il giorno del “Basket-Day”, con la contemporanea presenza nello stesso teatro di SGT Calligaris e Pallacanestro Trieste 2004; occasione unica per rinverdire un senso di appartenenza cestistica, per respirare nobiltà ritrovata, in nome dell’alabarda.

Dalle 16.00 di domani, una domenica… UNICA!

Raffaele Baldini (www.cinquealto.wordpress.com)

Pubblicato il ottobre 11, 2014 su HighFive, News. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: