Gara 5 senza storia, Brescia domina ma Trieste eredita un capolavoro

IMG-20150513-WA0001LEONESSA BRESCIA – PALLACANESTRO TRIESTE 2004

QUINTETTI

Brescia: Fernandez, Nelson, Loschi, Brownlee, Cittadini

Trieste: Grayson, Carra, Tonut, Holloway, Candussi

Quaranta minuti in apnea, vincere o morire nel teatro del Palasanfilippo di Brescia: comincia gara 5 di play off. Brownlee a casa sua e’ una sentenza dall’arco, ed esattamente come in gara 1 brucia la retina due volte per un primo vantaggio consistente sul 11-2; Trieste arriva in ritardo sulle rotazioni e non mette le mani addosso come di consueto. Si mettono in partita i big giuliani Tonut e Holloway, ma sono esecuzioni estemporanee in un attacco senza ritmo; dopo un primo rientro, la Leonessa allunga gli artigli sul primo quarto andando al +10. Nonostante un infortunio a Stefano Tonut, la truppa triestina non lascia scappare Brescia, il match e’ piacevole e molto fisico, Holloway incidente in area pitturata riporta a meno 5 i suoi; prima frazione chiusa sul 22-15. Grand difesa dei biancoblu lombardi, soprattutto sulle fonti del gioco giuliano, cioe’ gli esterni; torna Tonut ma Fernandez da oltre l’arco regala il massimo vantaggio ai padroni di casa, un +12 che esalta la platea del Palasanfilippo. Trieste totalmente fuori partita, sia offensivamente che difensivamente, il solo Murphy Holloway sembra perlomeno aggredire gli avversari con convinzione: 31-16 a meta’ secondo quarto. Quanto conta il calore e quattro mura amiche, Brescia e Trieste sono la versione opposta di quella vista solo tre giorni prima; squadre all’intervallo con una sola padrona indiscussa, la Leonessa di coach Diana: 25-37 sulla tripla da otto metri spenta sul ferro di Alibegovic.

Due occasioni nelle mani di Grayson per rianimare la truppa giuliana e portarla sotto la doppia cifra di svantaggio, vengono sprecate banalmente, dalla parte opposta due triple affossano a -16 Trieste; nel momento di massima difficolta’ gli eroi di una stagione, Tonut e Holloway, guardano in faccia i tanti tifosi e provano a rimettere in carreggiata i propri compagni: 32-43. Lo scontro Nelson-Carra fa scintille, torna a macinare pallacanestro il vero leader bresciano Juan Fernandez, rimettendo le cose a posto per i padroni di casa. Tanta rabbia mal convogliata in verbo cestistico, la squadra di Dalmasson consuma questa gara 5 senza trovare un minimo di continuita’; finale di terza frazione non proprio un manifesto alla buona pallacanestro: 43-55. Si ha la sensazione che per la prima volta in una stagione Trieste non riesca ad avere una reazione per tornare in partita; il solo capitan Carra lotta quasi in solitaria con il quintetto lombardo, strenuo gesto di un condottiero, 48-59. Altre occasioni spercate da ambo le parti, per allungare o per rimettersi in scia, ci pensa sempre Fernandez a leggere correttamente le situazioni; il quintetto piccolo giuliani patisce a rimbalzo e la Leonessa conduce in porto la sfida: 55-69 alla sirena del quarantesimo minuto, Brescia va in semifinale rispettando un pronostico scritto in partenza, Trieste spegne il proprio sogno ma non l’entusiasmo di una citta’ per un gruppo che ha stupito.

Raffaele Baldini (www.cinquealto.wordpress.com)

Pubblicato il maggio 13, 2015 su HighFive, News. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: