Record, Allianz-Day e quei sani sfottò

ANG_1144Spettacolo… da record!

Era nell’aria… una settimana di bombardamento social che montava l’evento, attesa come poche volte si era registrata negli ultimi anni, la sensazione che il record di spettatori auspicato dal Presidente Marzini si potesse abbattere. Detto fatto, la tradizione di Trieste non marca visita, una città intera riversata dentro un palazzo traboccante, 5700 paganti più biglietti omaggio per oltre 6000 spettatori. Una Curva Nord da serie A, con cori incessanti per tutti i quaranta minuti, in un braccio di ferro di altissimo livello con quella numerosa trevigiana. Insomma, una tavola imbandita per una festa indimenticabile, una prestazione dell’Alma clamorosa se si pensa che Nelson è stato costretto a seguire il match dal pino e che di fronte c’era la capolista.

L’infelice volantino…forse un calcio all’ipocrisia

Il nuovo corso del basket trevigiano aveva sbandierato ai quattro venti l’etica sportiva anche in ambito curvarolo; tutto degno di nota sino…alla sfida con Trieste. Prima un volantino recante la “trasferta internazionale”, poi i cori contro la tifoseria giuliana, ed ecco che tutto va a farsi benedire. Ma forse è giusto così, l’ipocrisia anti-sfottò non è vestito comodo per calienti spiriti latini, per cui meglio essere se stessi che fingere quelli che non si è. L’importante è rimanere confinati nei limiti del duello verbale, e così è stato, chi vince sfotte e chi perde canta orgogliosamente il primato in classifica.

Dite la verità, quanti hanno capito Gobbato in quintetto?

Fuori la verità… fra i 5667 paganti e gli omaggiati, quanti hanno reagito con disinvoltura al quintetto insolito con Gobbato sul parquet? Quanti invece hanno atteso qualche secondo convinti di un inserimento sbagliato  dettato al tavolo? L’ineffabile Eugenio Dalmasson ha colpito ancora… mischiando le carte e gettando nella mischia il giovanissimo cestista; qualche buon fallo a disposizione e la gratifica di un lavoro settimanale potevano essere elementi utili alla causa, e, il risultato iniziale, è un rotondo 13 a 2 a favore dei triestini. Quando qualcuno storce il naso sul gioco “di sistema” del coach veneto, si ricordi di tutte queste innumerevoli situazioni in cui il sistema ha messo nelle condizioni chiunque di rendersi utile alla causa, in cui il sistema ha reso un’assenza di qualcuno, il punto di forza del gruppo.

Allianz-Day, “Un canestro per Te”, quando la Pallacanestro Trieste allarga la famiglia

Immagino i dirigenti della Pallacanestro Trieste 2004 nel pre-partita contro Treviso: avrebbero venduto l’anima a Satana per regalarsi una serata come quella contro i veneti, nel giorno dell’ “Allianz-Day”. Eh si, perché sulle tribune c’erano tanti dipendenti aziendali ma molti alti dirigenti, materiale umano dotato di sensibilità, immerso in un contesto coinvolgente a dir poco. Non posso credere che non sia balenato per le teste di uomini d’affari, magari per pochi secondi, l’idea di investire maggiormente in futuro su questa sana realtà territoriale: spettacolo in campo, spettacolo in tribuna con tante famiglie, giovani e meno giovani uniti da quel senso di appartenenza per una tradizione cittadina. Anche “Un Canestro per Te” presente al Palatrieste per ricordare la solidarietà all’amico Dario, uno che sta giocando il suo campionato, e che ha bisogno dell’aiuto del pubblico per vincerlo compiutamente.

Fine parte prima

Raffaele Baldini (www.cinquealto.com)

Pubblicato il febbraio 29, 2016 su HighFive, News. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: