Annunci

Keys of the match – Imola

chiavi-in-manoFonte: Il Piccolo a cura di Raffaele Baldini

Allenamento a Natale, testa e gambe tenute in tensione per una delle partite più importanti della stagione; ci sono in ballo le Final Eight di Bologna, c’è l’alta classifica che attende di capire se l’Alma Trieste può far parte di questa elite esclusiva del campionato. Coronica e soci hanno un grosso problema per giovedì sera: si specchiano di fronte a qualcosa di molto simile. Il PalaRuggi e Imola sono una simbiotica realtà, una espressione di forza sinergica che esalta il gruppo oltre misura. Per questo motivo non analizzate per forza numeri o situazioni con algido distacco, perché l’essenza dei 12 di Imola sta in qualcosa che è silenzioso e nascosto.

Soldati agli ordini di Ticchi – Imola ha talento relativo di squadra, se si fa eccezione per l’accoppiata Cohn-Maggioli. C’è uno stuolo di pretoriani però che forma un esercito molto combattivo. Tutti eseguono i dettami del coach diligentemente, remano dalla stessa parte senza chiedersi troppe cose, per quaranta minuti; ed è anche questo aspetto non secondario che differenzia la compagine romagnola, l’essere cioè un moto perpetuo che lucra sui momenti di partita in cui le avversarie hanno un flesso. E il caldo abbraccio del PalaRuggi eleva ancor più questa condizione.

Difesa, tutto parte da là – Le avversarie sotto i 68 punti e Imola spesso esce con il referto rosa. La difesa è anche questo un marchio di fabbrica con caratteristiche simili a quelle della truppa di Dalmasson: mani addosso, “provocazioni” fisiche (non a caso c’è nel roster Hubalek, uno che fece impazzire i giuliani con la maglia di Matera) e tante soluzioni per far pensare l’attacco avversario. Se Trieste approccia come di consueto, rischia di entrare nel tritacarne romagnolo e non uscirne più.

Sulle ali del successo – Oltre all’aspetto tecnico, su cui l’Alma può vantare un leggero vantaggio, anche quello fisico potrebbe sbilanciare la sfida a favore dei triestini. Non tanto sotto canestro, zona di competenza di due pertiche come Maggioli e Borra, quanto sulle ali non c’è veramente partita. Green e Parks sono immarcabili, se partendo spalle a canestro… ancora di più.

Occhio al faraone – se c’è un giocatore in grado di sparigliare le carte, questo è Norman Hassan. Il pisano di origine egiziane ha un rendimento a dir poco isterico, la forbice offensiva spazia dai due punti contro Forlì dell’ultima uscita ai 19 con 5 triple nel match contro la Fortitudo Bologna. La pericolosità sta nell’imprevedibilità delle sue conclusioni, nell’essere sempre fuori controllo tecnico ma capace di incidere, con fiammate estemporanee. Occhio.

 

 

Annunci

Pubblicato il dicembre 29, 2016 su BASKET TRIESTINO, HighFive, News. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: