Annunci

Post Ravenna: stanchezza vera o stanchezza…di reparto?

javonte_green

Il post Ravenna ha aperto un dibattito interessante sulla presunta stanchezza quale variabile incidente sulla sconfitta. Partiamo da dati concreti che potrebbero avvalorare la tesi contraria: Marks 35 minuti di utilizzo, Smith 34, Tambone 29, Chiumenti 28, Raschi 22, Sabatini 15, Masciadri 21, Sgorbati 13, Crusca 3; otto giocatori e un quarto nelle rotazioni di coach Martino. Green 38 minuti, Da Ros 37, Cittadini 30, Bossi 29, Pecile 23, Baldasso 17, Coronica 15, Simioni 9 e Ferraro 2; otto giocatori e un quarto nelle rotazioni di coach Eugenio Dalmasson. Quindi? Parliamo dello stesso numeri di atleti utilizzati, con una distribuzione simile. Il ragionamento allora deve essere spostato sull’incidenza di reparto; l’assunto sottoscritto da tutti gli addetti ai lavori è che sono gli esterni a vincere le partite, soprattutto in A2. Vivisezionando le due contendenti scopriamo che Ravenna ha potuto contare sull’energia di 5 giocatori e Crusca contro i 4 giuliani; ma ancora non siamo in grado di determinare nulla. Allora vediamo l’incidenza nei minuti conclusivi: calcolando che i nostri esterni non sono dei mastini difensivi (quanto manca “Bobo” Prandin…), i minuti di riposo per Marks e soci propedeutici al caldo finale (ultimi 5 minuti ndr.) hanno garantito poi 9 punti pesantissimi (compresa la giocata del match su canestro a 2” dal termine dell’azione su rimessa) dell’americano, una tripla di Sabatini e un canestro di Tambone. Per il resto della produzione offensiva solo un canestro di Chiumenti e una schiacciata a “babbo morto” di Smith. Ecco quindi che si materializza un principio secondo cui non è importante il minutaggio dei singoli ma come questo è distribuito nell’arco della partita. I giocatori per default non ammetteranno mai la stanchezza latente, fa parte della “virilità” (o forma mentis) insista nel giocatore di pallacanestro; chi guarda però in video gli ultimi minuti di Orasì Ravenna – Alma Trieste si accorge di una netta diversità di energia fra i due quintetti, messa ancor più nudo da una perdita di lucidità dei biancorossi triestini.

Tutto questo non per trovare dei colpevoli a tutti i costi o calcare la mano su un rovescio che stava nella logica della vigilia, bensì per sostanziare quanto la macchina dalmassoniana, senza il salvagente della difesa a “zona”, necessiti di tutti gli elementi, delle relative rotazioni, per rendere sui quaranta minuti. Non solo, se il risultato del campo è figlio della settimana in palestra, il presupposto di cui sopra deve essere allargato all’intensità degli allenamenti con tutti gli effettivi rispetto al roster monco delle ultime settimane; se non si gettano le fondamenta solide nei giorni antecedenti la partita, la fragilità domenicale può essere diretta conseguenza.

Annunci

Pubblicato il febbraio 15, 2017 su BASKET TRIESTINO, HighFive, News. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: