Trieste simula un suicidio nel finale, ma e’ vittoria e strepitoso quinto posto

ACEGAS TRIESTE – BITUMCALOR TRENTO 71-69

L’Acegas Aps Trieste confeziona il piu’ bel Natale possibile con una vittoria importantissima contro la Bitumcalor Trento,  un match vinto nei secondi venti minuti e rischiato di perderlo per 90 secondi di follia nel finale. Quintetto base Acegas Trieste con Ruzzier, Filloy, Thomas, Brown e Gandini, risponde coach Buscaglia con Forray, Umeh, Elder, Dordei e Garri; assenza prolungata a rimbalzo di Trento che garantisce secondi, terzi e quarti possessi per i padroni di casa, non capitalizzati se non in una tripla di Brown; “sparatoria” da oltre l’arco con sfida diretta Umeh-Brown, bella partita pre-natalizia e vantaggio Acegas 9-7. Favoloso Brandon Brown al tiro, una mano bollente che non spaventa la Bitumcalor trascinata da Umeh e pareggio a quota 14 con entrata di Forray, time out di coach Dalmasson; Filloy fatica da matti contro Umeh che abusa della caviglia malandata dell’argentino, prevalgono fortemente gli attacchi sulle difese, piacevole spettacolo per gli occhi degli spettatori, meno per quello dei coaches, zona di fine quarto ordinata da Buscaglia che sortisce un recupero ma anche orrori offensivi; finale con tripla di Filloy e 24-19 Trieste. Subito Spanghero rompe il ghiacco a “casa sua” con una tripla sotto pressione e con un ottimo assist a Pascolo, nuova parita’ in un amen; Filloy ha una caviglia in fiamme ma anche una mano non da meno, Trieste tira alla grande da oltre l’arco ed e’ l’unico motivo per il vantaggio interno 30-26. Meta’ seconda frazione con un fisiologico peggioramento delle percentuali di tiro, entra in partita Garri con qualche conclusione in area e qualche tiro libero, entrambe le formazioni continuano a registrare difese non indimenticabili: 32-32. Entra anche l’altro triestino Bossi in una inconsueta rotazione di Buscaglia, una ennesima tripla di Umeh mette la freccia del sorpasso trentino sul 34-35, bissata dal canestro di Pascolo: squadre all’intervallo 34-37 e un evidente Acegas aggrappata esclusivamente al tiro da tre punti, diverso dalla miglior distribuzione offensiva trentina. Due triple di Gandini mettono nel terzo quarto un’Acegas con piu’ voglia difensiva, Trento si regge su rimbalzi “sporchi” presi in attacco e con la consueta astuzia di Garri, 44-43 per Trieste dopo 4 minuti di contesa; terzo fallo pesante di Gandini e logico cambio ordinato da Dalmasson, partita bella e in equilibrio, una giocata di Filloy to Brown regala il +5 giuliano con conseguente time out di coach Buscaglia. Faccia diversa difensivamente per l’Acegas, Trento senza Garri ha meno pericolosita’ offensiva (e non a caso Buscaglia lo rimette presto in campo), finale di terza frazione con ottima incidenza di Dordei sull’ingenuo Fall e un’ entrata vincente di Mengue per il 56-49. Preghiera di Marco Carra a canestro, esce per infortunio Bj Elder, primo serio break dell’incontro a favore di Trieste per 61-49 sul ritrovato Brown; Conte non vuole abdicare e piazza una tripla siderale, ma l’Acegas e’ energia pura trascinata dal caldo PalaRubini, vantaggio costante sopra la doppia cifra. Un uomo solo al comando per Trento che e’ Dordei (offensivamente parlando), ma sulla terza tripla del lungo dalla mano educata Gandini si chiude virtualmente il match, anzi no, prove di suicidio per Trieste: triple subite e errori dalla lunetta, Trento ha anche il tiro per il pareggio con fallo di Fall; Dordei, nell’inferno del PalaRubini fa 1/3 con errore voluto finale, sul fronte opposto Fall chiude dalla lunetta, 71-69 e sospirone di sollievo per i 3500 del PalaRubini, e’ vittoria importante per gli uomini di Dalmasson che raggiungono il quinto posto in coabitazione, per Bitumcalor prova orgogliosa e ritorno a casa con un problema Elder in piu’.

 

 

Il migliore: Brandon BROWN (Acegas Trieste)

Che avesse una buona mano lo sapevamo tutti, pero’ il primo tempo del lungo divenuto ala e’ da leggenda al tiro. In salute e motivato.

 

Il peggiore: Bj ELDER (Bitumcalor Trento)

Serata no e infortunio, peggio di cosi non poteva andare, forse la situazione fisica e’ figlia di qualche chiletto in piu’ o dei problemi settimanali, sulla tecnica e’ solo questione di un giro a vuoto non grave.

 

Arbitri: i sig.ri MASI, MORELLI e SCRIMA voto 6

Arbitraggio sufficiente, con qualche errorino ma anche con l’intelligenza di rivedere qualche fischiata sbagliata in tempo.

 

Raffaele Baldini (www.cinquealto.wordpress.com)

Pubblicato il dicembre 23, 2012 su HighFive, News. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: