Gli insospettabili, vivaio in vetrina e tutti a Verona!

Break dagli insospettabili, l’Acegas e’ sempre piu’ squadra

4 T UMAX     PL-II            V1.4 [6]Vuoi spiegare il concetto di squadra con la “S” maiuscola? Bene, allora usa come riferimento la partita di Trento, in cui il terminale principale Thomas e’ tenuto a 7 punti con 2/12 dal campo, in cui Brown si toglie dalla partita per sua specifica richiesta al coach (per rifiatare ndr), in cui Ondo Mengue, Abdel Fall e Daniele Mastrangelo confezionano il break decisivo del match venendo dalla panchina…ed ecco sublimato il termine squadra! E’ riconosciuta la filosofia di coach Dalmasson improntata al gioco di “sistema”, in cui il singolo e il tutto sono amalgamati senza strappi nel meccanismo a 12 cilindri; per cui potremmo anche finire di stupirci per protagonisti insospettabili, tutti qui sono “colpevoli” ed e’ il grande merito di questa Acegas 2012/13, esattamente come un anno fa….

 

Sfida fra triestini rampanti, nessun vincitore….o tutti vincitori!

C’era grande attesa per la sfida a distanza fra talenti nostrani, Ruzzier da una parte e Spanghero e Bossi dall’altra. Nessuno mi trascinera’ nel pessimo gioco di chi ha vinto e chi ha perso, sciorinando statistiche di ogni genere. Quello che senza retorica e’ da rimarcare e’ unicamente la vittoria del vivaio triestino! Ebbene si, perche’ in Legadue!! E ribadisco Legadue, trovare cotanto materiale umano che tenga la categoria e’ qualcosa di importantissimo. Anche i detrattori piu’ convinti, quelli che sostenevano il limite di societa’ capaci solo di creare giocatori da B2 o massimo B1, sono zittiti da  riscontri palesi. Se aggiungiamo poi che per completare il tutto nei roster si segnalano anche Tonut e Urbani, allora Trieste puo’ alzarsi in piedi ed applaudire.

 

Natale, negozi aperti e ferie, questa volta i triestini scelgono il teatro sportivo

C’era una timida preoccupazione in societa’ per la partita di domenica contro Trento a livello mediatico, troppe distrazioni in corso per convogliare gli appassionati al chiuso del PalaRubini, una copertura televisiva via web che non agevolava; invece questa volta niente da eccepire, almeno 3500 spettatori hanno riempito le gradinate dell’impianto di Via Flavia, con entusiasmo crescente fino alla gioia del quarantesimo minuto. Che il prodotto Acegas Aps 2012/13 abbia finalmente convinto? Meglio tardi che mai….unica nota dolente la curva, ancora quasi vuota e non animata dallo spirito che aveva caratterizzato il fantastico finale di stagione scorso, o la partita contro Ferentino di quest’anno. Gli alibi sono finiti, le nuove generazioni devono tornare a vivere di passioni concrete e non preconfezionate, chiudete le playstation e tirate fuori la voce!

 

Tutti a Verona, un’ occasione che cade a fagiolo

Sabato 29 Dicembre (domenica ci sarebbe stata la concomitanza con la partita di calcio del Verona), l’Acegas Aps Trieste fara’ visita alla Tezenis Verona, un’ennesima sfida per posti play off di grandissimo interesse. Tempo addietro sarebbe stata l’occasione per un esodo dalla terra giuliana, in tempi attuali un buon motivo per i veri appassionati per godersi una giornata baskettara di livello. Si perche’ gli ingredienti ci sono tutti, dalla gradevole e accomodante citta’ scaligera, alle buon pietanze culinarie, sino al PalaOlimpia, arena da serie A. Trieste ha l’occasione per spiccare il volo, Verona diventa tappa obbligata per schiudere le ali…

 

Buon Natale a tutti…ma che si arrivi a Pasqua

Un sereno e felice Natale a tutti, gli amanti del basket in citta’ sono arricchiti questa stagione di un buon basket e sfide tornate importanti; pero’ continua quel pruriginoso fastidio legato alla chiave economica, un aspetto che non presenta passi avanti neanche per sbaglio, che assume connotati sinistri di settimana in settimana nonostante le rassicurazioni di tutti. Facciamo una cosa, lasciamo stare luoghi comuni con appelli alle istituzioni e ad imprenditoria locale (tanto cadono nel vuoto), cerchiamo di uscire dall’alveo cittadino per trovare realta’ importanti, anche fuori dall’Italia e senza storcere il naso; non e’ periodo per fare con le proprie forze, l’unica via e’ presentare un progetto COME DIO COMANDA cestistico con la passione di chi vuole convincere sul serio il proprio interlocutore. Non c’e’ troppo tempo.

 

Raffaele Baldini (www.cinquealto.wordpress.com)

Pubblicato il dicembre 24, 2012 su HighFive, News. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 2 commenti.

  1. beh, se la curva deve essere rappresentata da quelli che hanno fatto il premeditato casino fuori dal palazzo contro ferentino (casino reciproco eh? intendiamoci…), preferisco il “garbato” pubblico eterogeneo e con 4 spelacchiati ma volenterosi “ultras”.
    certo, piacerebbe avere un sostegno forte e trascinante di bravi ragazzi, ma sembra non ce ne siano in giro.
    pazienza, un motivo in più per apprezzare il basket rispetto al balon!

  2. – TRENTINO –

    24/12/2012 18:00 – Dai. Comunque la si giri è un buon Natale per l’Aquila Basket Trento . L’anno della promo-zioe coincide con un campionato di LegaDue i cui, anche ieri a Trieste, i nostri hanno dimostrato di potersela giocare con tutti. Ma per davvero. Ecco l’analisi di coach Buscaglia ed il rammarico di Gigi Dordei. Anzi no, partiamo proprio da un affranto numero 11 che, per aver sbagliato il tiro libero del possibile pareggio, non sa darsi pace. Dordei, al PalaRubini ha giocato la sua miglior partita sul piano realizzativo. Peccato per quell’errore sul secondo tiro libero… «Peccato??? Guardi, sono distrutto. E’ come se mi avessero infilzato con una spada, sento male uguale. Dico di più: avrei fatto volentieri cambio, zero canestri in cambio di quel secondo libero che non è andato dentro. Il terzo, lo si è visto, è stato sbagliato apposta per sfruttare il rimbalzo ma non è andata…… Ci pare davvero giù di morale. «Sono un professionista, vi sono delle situazioni in cui non dovremmo, potremmo sbagliare. E’ successo a me, in un momento decisivo. E vi dico che passerò un bruttissimo Natale: per fortuna che ho una famiglia meravigliosa, e questo mi aiuterà, ma ci vorrà del tempo». Più in generale, non c’è mica stato solo il suo errore, di che partita si è trattato? «Sapevamo che non sarebbe stato facile. Loro picchiano ( VOGLIAMO PROTESTARE CIVILMENTE CONTRO QUESTA AFFERMAZIONE RAFFAELE ? ) in cinque e, a quel punto, la patita diventa faticosa. Eravamo riusciti comunque a rimetterci in carreggiata e se fosse entrato il mio tiro e fossimo andati ai supplementari… credo proprio staremmo a raccontare un’altra partita». Con un Gigi Dordei che sale sul pullman senza trovare pace, ecco coach Maurizio Buscaglia che si sforza di analizzare il match sotto un profilo squisitamente tecnico. Coach, aspetti un attimo. Se fosse entrato anche il secondo libero di Gigi Dordei? «Beh, chiaro che sbagliare il tiro del possibile pari non è proprio il massimo, anzi. Ma avevamo davanti altri 39 minuti di gioco. E non è che li avessimo disputati proprio tutti come era nelle mie intenzioni». Che cosa intende? «Abbiamo giocato di reazione, a fiammate. Ci siamo rimessi in careggiata sia nel primo che nel terzo quarto. Ma perchè per buoni tratti, prima, avevamo subito. Per farla breve non c’è stata quella continuità che sarebbe servita. Servivano più ferocia ed aggresività». Tra il resto sul match è caduta anche la tegola di B.J. Elder infortunato. «Una contrattura alla schiena lo ha messo ko. Non riusciva più a muoversi, si è sbilanciato durante un tiro ed abbiamo dovuto rinunciare al suo apporto». Tanta sfortuna, in un campo non facile. «Piano però. Ho bene in mente anche delle cose che non sono funzionate, mica solo i tiri liberi sbagliati. Anche i rimbalzi offensivi non ci hanno visti impeccabili e occorreva servire di più, e meglio, Umeh. Un giocatore come lui va cercato di più, assecondato». Coach, i tifosi dell’Aquila possono comunque essere contenti di quest’anno. No? «Spero di sì. Auguro a tutti un buon Natale e prometto loro altre soddisfazioni».

    Gianpaolo Tessari

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: