A pensar male…Brown e i numeri che inchiodano, la verita’ di Francia

A pensar male alle volte…

Rotto Natale albero GiocattoloLa teoria complottista fa parte della filosofia del tifoso da bar, sublimata a forme virtuose dai giornalisti in cerca dello scoop a tutti i costi; gioco forza quindi le sconfitte pesanti contro Verona e Casale Monferrato non rientrano più nella logica dei valori espressi su un campo da pallacanestro, ma è la summa di una serie di situazioni societarie che hanno portato il giocattolo ben costruito in estate ad avere qualche pericolosa falla, peraltro non più in garanzia. Purtroppo o per fortuna la teoria complottista ha preso vigore grazie anche ad un percorso in campionato eccellente, palesando un organico coeso e pugnace, capace di far tremare a casa propria Pistoia e Bologna, ed espugnare Capo d’Orlando. Allora il sottoscritto spiega perché propende per l’ “elemento disturbatore” societario: punto primo perché il primo indicatore di una squadra che vuole reagire è il tornare ad affidarsi a caratteristiche note che hanno fatto le fortune precedenti, in questo caso la difesa (75% della difesa è voglia!); bene, a Casale primo quarto da 23 punti subiti, un enormità per le squadre di Dalmasson. Secondo il rendimento degli americani, i più sensibili indicatori dello stato societario: Thomas e Brown hanno visto crollare le proprie statistiche, con il secondo addirittura maldestramente intento a far la parte del timido giocatore di complemento. Ultimo indicatore il nervosismo: se il placido ed ecumenico Jobey si mette (a detta dei radiocronisti locali) a spintonare un compagno e a dare segnali espliciti di alterazione emotiva, allora qualcosa certamente non funziona…. Sia ben chiaro, la colpa non è dei professionisti che vivono di questo, qualche romantico potrebbe rivendicare l’etica sportiva su tutto ma non è tempo storico per fare queste valutazioni, di certo le allarmanti voci uscite nel pre gara contro Verona (e se erano invenzioni giornalistiche allora stava alla società essere più chiara) hanno destabilizzato un ambiente sano a dir poco, togliendo serenità a quello che era un placido gruppo costruito per far bene.

Brrrrr…own!

Diciamo che alle volte i numeri qualche spunto lo danno: nel trittico di vittorie precedente a Verona Brandon Brown ha viaggiato a 15,3 punti per partita con il 39,5% dal campo; la versione “da trasferta” post questioni societarie ha “regalato” alla causa biancorossa un elemento da 5,5 punti per partita (nella doppia gita a Verona e Casale) con il 25% dal campo, tralasciando un linguaggio del corpo a dir poco esplicito. Ora, saranno coincidenze ma i dati impressionano…

Paolo Francia spiega la sua idea a Tele4

Finalmente Paolo Francia avrà un volto (ma quello lo conoscevamo già) ma soprattutto una voce e delle cose da dire; se fino ad ora l’ “acquario” dei vertici societari era composto da personalità poco propense ad aprirsi al dialogo, questa sera dalle ore 21.00 in diretta su Tele4 perlomeno qualcuno si prenderà la responsabilità di esporre un piano. Ovviamente lo sanno anche i muri che il piano, quale esso sia, trova già degli scettici interlocutori negli attuali esponenti dei vertici societari, vedi gruppo Boniciolli, ma in tempi attuali la città non può non prendere in considerazioni tutte le strade alla redenzione economica. In trasmissione ci sara’ anche occasione per sentire la voce di un esponente della curva, contattato telefonicamente dal conduttore Marco Stabile.

Nessuno tocchi Caino

Posto quanto sopra scritto, le condizioni per un sano equilibrio psico-emotivo ci sono, bilanciare presunti elementi destabilizzanti con un fisiologico momento della stagione è saggia operazione per non vestire i panni del “tafazzi” di turno, per i meno attenti un personaggio televisivo dedito all’autolesionismo agli zebedei. L’Acegas Aps Trieste è in piena corsa per i play off, affronterà ora un trittico di partite importanti per il proprio destino e, nella versione più bella dello sport, successi convincenti potrebbero cancellare un momento negativo. Il pubblico e gli appassionati quindi non si lascino trasportare dal pruriginoso desiderio tutto triestino di esaltarsi nel momento della contestazione, la versione più utile alla causa, ma è un mio parere molto personale, è quella attuale, vigile per quello che concerne le vicende societarie ma sempre calorosamente a sostegno dei propri colori.

Raffaele Baldini (www.cinquealto.wordpress.com)

Pubblicato il gennaio 7, 2013 su HighFive, News. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: