Veroli e’ squadra, espugna il Palatrieste con personalita’

PALLACANESTRO TRIESTE 2004 – BASKET VEROLI 62-74

Grande Veroli a casa Trieste, vince e convince dominando un match dal principio alla fine, lasciando alla compagine giuliana ancora i dubbi su chi esattamente e’ e dove puo’ arrivare; protagonisti della partita? Il gruppo, senza dubbio, e un ottimo condottiero. Quintetto base triestino con Carra, Hoover, Coronica, Harris e Diliegro, risponde Ramondino con Tomassini, Casella, Sanders, Samuels e Cittadini; piano gara degli ospiti con immediate ripartenze in transizioni offensive, con discreti dividendi iniziali anche causa attacchi improponibili di Trieste: 2-4 dopo 4 minuti di partita. Cambio immediato per Tomassini in casa ciociara per un problema alla schiena, prosegue l’invereconda versione di una partita di pallacanestro, con errori marchiani e un buon impatto di Giammo’, 4-9 e primo mini break del match. Fallo tecnico a Samuels dopo una dubbia infrazione commissionata in attacco al coloured di Veroli, rimonta giuliana e pareggio a quota 9; cambi continui di Ramondino con diverse soluzioni difensive per far “pensare” Trieste, la partita si mantiene bruttina ma con interessanti contenuti tattici; Ruzzier rimpolpa il proprio bottino dalla linea della carita’  ma i giallorossi mantengono il vantaggio a fine primo quarto: 15-17. Curiosamente impreciso Diliegro in area pitturata, l’attacco della Pallacanestro non trova fluidita’ grazie anche alla buona difesa d’anticipo dei ciociari, time out di coach Dalmasson sul 17-22; l’incedere del match e’ gradito a coach Ramondino, il quale nel pre gara auspicava di non far prendere ritmo ai giuliani e di cambiare faccia spesso durante i quaranta minuti, il vantaggio per 19-26 non e’ quindi frutto del caso. Ennesima palla persa di Trieste oggettivamente inguardabile, Veroli quando non segna si guadagna punti facili dalla linea della carita’: 19-30. Hoover sveglia se stesso e la squadra con cinque punti, prima scossa al match agevolato da una ingenuita’ di Tomassini con fallo antisportivo: break di fine frazione casalingo e squadre all’intervallo con Veroli solamente avanti di 4 punti, 30-34. Ottima presenza a rimbalzo offensivo di Candussi, sfruttando centimetri e tempismo, la squadra di coach Dalmasson sembra avere un piglio diverso alla ripresa delle ostilita’, sorpasso con Hoover dalla lunetta: 39-38. Tanta sostanza di Casella fra le tavole parchettate del Palatrieste, la doppia cifra nelle realizzazioni rappresenta ossigeno per gli ospiti, tanto da dare il nuovo sorpasso sul 41-44; Carenza da tre regala il +6 per Veroli e coach Dalmasson nuovamente chiama time out per fermare l’emorragia. Con le squadre a bonus esaurito, la partita si gioca anche dalla lunetta, un mini break triestino per il -4 (su palese scambio di persona in lunetta con Harris al posto di Diliegro); Carenza trova un jolly su azione confusa e il +8 e’ un buon investimento di fine frazione. Brutto infortunio a Mastrangelo per un colpo alla nuca, clima surreale al Palatrieste che rimane scosso dall’accaduto, finale di terzo quarto sul 47-55. Campionario di palle perse in casa biancorossa, quarto fallo di Diliegro onestamente fuori dalla partita mentalmente e vantaggio sulla doppia cifra garantito per i ciociari: 47-57; gestisce alla grande la partita Veroli, con intelligenti soluzioni e letture competenti, Trieste sembra non aver capito nulla dal primo minuto di gioco, soprattutto non hai mai messo continuativamente la consueta “garra”, 51-63 a 6 minuti dal termine. Will Harris e’ l’unico che prova a caricarsi offensivamente la squadra sulle spalle, ma e’ drammaticamente solo; non ci sono colpi di scena nel finale anche perche’ Blizzard fa il chirurgo della situazione, vince Veroli nettamente per 62-74, la prova di maturita’ triestina e’ fallita davanti al proprio pubblico, per la squadra di Ramondino l’ennesimo capolavoro stagionale, in un campo difficile e con perentorieta’ da grande.

 

Il migliore: Andrea CASELLA (Veroli)

Nei pochi momenti difficili della partita, ha trovato conclusioni vincenti, silenziose, come un leader consumato; la sorpresa Veroli di questa stagione sta anche in questi elementi.

 

Il peggiore: –

 

Arbitri: i sig.ri CIAGLIA, BARONE e LOSCALZO voto 4

Tre arbitri che non si accorgono della “furbata” triestina di mandare in lunetta Harris al posto di Diliegro non meriterebbero la sufficienza solo per questa imbarazzante situazione tecnica; per il resto diverse compensazioni sporcano una prestazione gia’ imbarazzante di suo.

Raffaele Baldini (www.cinquealto.wordpress.com)

Pubblicato il dicembre 22, 2013 su HighFive, News. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: