-3: Dieci buoni motivi per essere presenti al Palatrieste domenica

I 10 comandamenti

10comandamenti-risparmio–          Essere presenti domenica vuol dire innanzitutto dare un senso all’iniziativa dei 5 moschettieri per la salvezza del basket triestino della scorsa estate; vuol dire quindi implicitamente presenziare ad un duello fortemente desiderato, vivere emozioni che altrimenti sarebbero state archiviate con l’ennesimo fallimento dello sport cittadino.

–          Presenziare vuol dire elevare alla massima potenza il senso di APPARTENENZA alla massima realtà locale di pallacanestro: la propria città, i propri colori, la propria tradizione, i propri “figli” sul campo…sono elementi aggreganti per chi ha certi valori.

–          Riempire il Palatrieste per la partita della stagione significa “ricattare” (nell’accezione più positiva del termine) reggenti, istituzioni e sponsor, PRETENDENDO la continuità di una tradizione; a Trieste, se si abbassa la guardia, si sotterra un altro cadavere (sportivo ndr.).

–          Trieste-Forlì per subire quella insensata passione settimanale delle partite “dentro o fuori”, avvicinarsi all’evento con la temperatura che sale, varcare la soglia del Palatrieste con battiti accelerati. Poi, sono solo 40 e più minuti di adrenalina infinita…

–          Atto di presenza per non dover dedicarsi allo sport comune sotto la pineta di Barcola: il lamento a retrocessione o fallimento avvenuto.

–          Trascinare la squadra alla vittoria per poter godere la prossima stagione di giocatori come Basile, Mancinelli, Voskuil, Goldwire, Rocca, ecc., insomma respirare l’aria salubre di personaggi che sanno trattare la palla a spicchi.

–          Scegliere due ore da vivere al Palatrieste domenica perché osmizze, agriturismi, barcole e quant’altro sono luoghi che non fuggono, sono luoghi che saranno presenti con intatte peculiarità per le settimane a venire (anche perché è prevista pioggia ndr.); viceversa quello che accadrà dalle 18.00 in poi di domenica a Valmaura sarà qualcosa che comunque non vivrete mai più nella vostra vita. Una partita di pallacanestro è sempre un’ESCLUSIVA.

–          Essere numericamente importanti e alzare i decibel all’interno dell’impianto potrebbe essere un modo utile di rivaleggiare con il folto gruppo di forlivesi in arrivo a Trieste; da sempre chi viaggia è animato da maggiore carica passionale; facile prevedere che se arrivano in 100, faranno il tifo per 400!

–          Come nella indimenticabile partita decisiva con Chieti per la promozione in Legadue, il caldo abbraccio della propria gente potrebbe generare energie insospettabili nei protagonisti; e di questi tempi, fra infortunati, giocatori giù di morale e di condizione, una spinta del genere sarebbe il toccasana e la chiave di volta per il successo finale.

–          Esserci perché, a chiunque scorra qualcosa di tiepido nelle vene, partite del genere sono l’evento da non perdere per nessun motivo: ritardate i parti delle mogli, sposatevi la settimana dopo, presenziate ai pranzi di compleanno con il timer per andar via, promettete IKEA tutta la settimana alle fidanzate, studiate di notte, spiaggiatevi quando ci sarà sole…. e segnate sul calendario: 13/04/2014 PALATRIESTE ORE 18.00, tutto il resto non conta!

Raffaele Baldini (www.cinquealto.wordpress.com)

Pubblicato il aprile 10, 2014 su HighFive, News. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: