Da Basketnet.it: Se…..

tumblr_m0oqasmMeu1rpalouo1_500

 http://www.basketnet.it/it/se-di-raffaele-baldini/261379

Ok, ci siete riusciti. Me ne sono completamente fregato dei pianti carioca ai mondiali di calcio e sono rimasto calamitato dall’incredibile situazione che si sta materializzando nel massimo campionato di pallacanestro. Il sottile gusto macabro di assistere ad un suicidio (sportivo, grazie al cielo), o l’esaltarsi per l’istinto di sopravvivenza di una storica società; non lo so, anche perchè continuo a pensare che i giochi siano tutt’altro che fatti.

La rappresentazione su tela della sfida Milano-Siena è la miglior espressione di un quadro daliniano: le ossessioni famose del pittore di Figueres sono calzanti parallelismi con l’incubo milanese. Le cavallette rappresentate da un Othello Hunter rinato nella fase finale play off, la mano che brandisce il coltello nelle vesti di Marco Crespi (con ghigno soddisfatto), l’ossessione verso la madre…si, la madre di tutti i masochismi. Il problema è che l’EA7 ha vissuto i play off danzando sulla lama del rasoio, in uno spogliatoio disgregato e nella conferma tecnica sul campo; ognuno vuole risolvere da solo la sfida, pensando un pò troppo. Nell’abuso di palleggi e secondi con la palla in mano, qualsiasi difesa del campionato italiano avrebbe arginato Hackett e soci, qualsiasi compagine avrebbe messo a nudo un palese scollamento tecnico. Alle volte provocare tumulti in casa milanese ha generato energia nuova, e sulla singola partita può essere il miglior viatico alla concentrazione; in una serie lunga, diventa stress, le falle diventano voragini e le colpe sono sempre degli altri. Cosa fare a questo punto? Impossibile cambiare il trend, che i singoli talenti si mettano in proprio, ma senza pensare, come ha fatto Jerrels in gara 1 o Gentile in gara 2 (magari con letture migliori dell’ultima uscita), e che coach Banchi se ne faccia una ragione.

Siena ora confezionerà l’inferno dantesco per gara 6, l’unico colpo in canna per vincere lo scudetto più clamoroso della storia; perchè in caso di parità, scontata la vittoria dell’EA7 al Forum. Lo farà come sempre giocando di squadra, cercando di trovare protagonisti diversi. Il problema ora è un fardello leggermente più pesante: essere ad un metro da qualcosa di epico genera pressioni indubbie, forse anche troppo elevate in giocatori non abituati (a parte Ress), non basteranno da soli i famosi motti crespiani per reggere l’urto.

Sarà una grande gara 6: Milano e la macabra compagna in giallo-blu (vedi Maccabi) a ricordare la genesi di un incubo, forte di un roster talentuoso e a tratti devastante, forte di rabbia che non vuole conoscere l’onta di un fallimento. La Mens Sana per l’ultimo ruggito, per tatuare indelebilmente uno scudetto più pulito dell’acqua di sorgente, trascinata da tre quarti stivale (il quarto rimanente è milanese, non della curva, e legato all’epoca di D’Antoni e Meneghin) e inebriata dalla lucida follia crespiana, la stessa che smaterializza il corpo nell’ultimo quarto per lasciare la conduzione al vice Magro.

Se finisce in un certo modo…Armani ha pronta la passerella per i propri giocatori, porta dritta all’inferno. Altrimenti, sarà comunque rivoluzione necessaria.

Raffaele Baldini

Pubblicato il giugno 24, 2014 su HighFive, News. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: