Premiata ditta Bobo-Lupo, abbonamenti e la fortissima Verona

"Bobo" Prandin (foto A.Cervia)

“Bobo” Prandin (foto A.Cervia)

L’incidenza del Bobo e del capitano

Non ho aspettato il giovedì per sostanziare quanto seguirà, e non ho fatto nemmeno fatica ad individuare in Roberto Prandin e Marco Carra gli Mvp occulti della vittoria contro Biella. Il “Bobo” neo arrivato ha dimostrato da subito intelligenza: nell’approcciarsi ad un campionato molto diverso da quello precedente, nel cercare a piccole dosi di recuperare la condizione, nell’incidere senza strafare al momento della chiamata in campo. Non è un caso che coach Dalmasson lo cercasse da diversi anni per la causa triestina, ora può garantirsi un pretoriano di affidabilità. La partita contro Biella è stata chirurgica, fisica e produttiva; il rendimento è andato in crescendo (fino al quinto fallo fischiato), quindi sintomo di condizione in crescita esponenziale. “Lupo” Carra ormai ci ha abituati: in estate sembra la versione dopolavorista del killer che ha fatto impazzire diverse volte Trieste, poi, quando conta, la trasformazione nel consueto uomo di sostanza. La sua difesa su Voskuil è stata da manuale: il modo di “rompere” i blocchi, l’asfissiare il gioco del tiratore biellese fino a farlo deragliare nelle scelte, sono un clinic difensivo per giovani adepti. Siamo certi che i due “vecchietti” del gruppo sono e saranno elementi determinanti per il prosieguo della stagione triestina, soprattutto nel bene.

Abbonamenti, numeri in crescita… e c’è ancora tempo

Moto d’entusiasmo: la riapertura della campagna abbonamenti è figlia di movimenti tellurici, prima con scosse di bassa entità (Veroli ndr.), poi con quella potente contro Biella. Diverse persone hanno sottoscritto l’ “abbonamento del giorno dopo”, altre ancora potranno farlo in questi ultimi giorni a disposizione. Anzi, proprio il fine settimana sarà un motivo per registrare gli ultimi importanti numeri, in funzione anche di una convenienza evidente rispetto al prezzo del singolo biglietto.

 

Verona, altra occasione per vedere pallacanestro

Palatrieste vetrina di pallacanestro spettacolo: prima Biella, ora la fortissima Tezenis Verona, una corazzata a disposizione di coach Ramagli e del “nostro” Sandrino De Pol. Anche in questo caso mutuo il ragionamento fatto una settimana fa: a prescindere dalla passione sportiva e del campanile, la sfida di domenica merita di essere vissuta per la qualità che verrà espressa sul parquet. Un playmaker “rubato” alla serie A come De Nicolao, gregari di lusso come Boscagin, Ndoja, Reati e Gandini, stranieri cinque stelle come Umeh (già visto a Trento) e Monroe, insomma tanto materiale cestistico assemblato a dovere.

Il cammino della Scaligera è da far tremare i polsi: vittorie ampie, in campi difficili come quello di Agrigento e con squadre importanti come Barcellona e Trapani.

Trieste però giocherà leggera come una piuma, non c’è ansia di vittoria ma solo ambizione di bissare il colpaccio di qualche giorno fa; l’appetito vien mangiando e il pubblico di appassionati triestini ha fatto una piacevole scorpacciata, non ancora un’indigestione.

L’appello è superfluo ma incontra la resistenza pigro-economica giuliana; inutile poi mettere video del match o istantanee di partita con commenti alti e sonanti, lo spettacolo vero è quando si respira pallacanestro, si vive un’emozione collettiva, a prescindere.

Raffaele Baldini (www.cinquealto.wordpress.com)

Pubblicato il ottobre 23, 2014 su HighFive, News. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: