Trieste e’ un diesel, ma poi vince con gli italiani

Mastro e' tornato!

Mastro e’ tornato!

PALLACANESTRO TRIESTE 2004 – ASSIGECO CASALPUSTERLENGO 80-75

QUINTETTI

Trieste: Grayson, Prandin, Tonut, Candussi, Marini

Casalpusterlengo: Young, Vencato, Carrizo, Ricci, Poletti

Vince una partita decisiva la Pallacanestro Trieste 2004 contro la diretta rivale, l’Assigeco Casalpusterlengo; lo fa con un secondo tempo “italiano”, grazie alla vena di Mastrangelo e Tonut, ed un Grayson incidente.

Trieste parte con Holloway in panchina per uno stato di salute (o di forma?) relativo, ritmi elevati ed equilibrio: 5-6. Molto incisivo l’ingresso nel match di Ricci, giocatore eclettico a disposizione di coach Zanchi; Young punisce l’ennesimo rientro lento difensivo giuliano, primo break ospite sul 5-15 e time out repentino di coach Dalmasson. Tanta superficialita’ in casa triestina, sia difensiva che offensiva, l’aggressivita’ dell’Assigeco ha buon gioco con conseguenti transizioni, non tutte sfruttate: 10-17. Spettacolo rivedibile sotto le volte del Palatrieste, le rotazioni danno maggiore linfa alla squadra di casa che riscopre un Grayson coinvolto, mentre non si muove il punteggio dei blu lombardi; finale di primo quarto sul 14-20. Zona ordinata da Zanchi alla ripresa del gioco, Trieste e’ imbarazzante per presenza mentale e fisica, l’area pitturata diventa terra di conquista ospite; raddoppi difensivi sul pericolo pubblico numero uno Holloway, spazio quindi per gli esterni giuliani e conseguenti tiri comodi: 23-26. Terzo fallo pesante proprio di Holloway, la partita si accende su alcuni contrasti ruvidi e inerzia che sta per prendere la via di Trieste, fino a che Young si mette in cattedra per un clinic in post basso con scarichi al bacio per Poletti: 25-31. Ad ogni riavvicinamento, Casalpusterlengo ricaccia indietro gli avversari, squadre all’intervallo sul 32-38. Spirito diverso in casa giuliana, pur considerando la terza infrazione a carico di Grayson: parziale di 7-2 con tripla di Carra. Una bimane di Tonut porta al pareggio la Pallacanestro Trieste 2004, Carra per al primo vantaggio: 47-45. Quarto fallo per Grayson e Holloway, variabile a dir poco incidente per il prosieguo della sfida; come un abile chirurgo Young capisce che e’ il momento di prendersi la squadra sulle spalle, anche perche’ non c’e’ altro terminale credibile fra i compagni. Sfila via come la paga mensile il terzo quarto, con Stefano Tonut a sfogare la rabbia per un primo tempo anonimo e a consolare il compagno Fossati per un errore banale da sotto canestro; inerzia per la prima volta a tinte biancorosse: 62-54. La squadra tutta italiana obbligatoriamente schierata da Dalmasson brilla per abnegazione, meno per talento, di certo piace al pubblico del Palatrieste; Sant-Ross dalla parte opposta fa decisamente rimpiangere la pallacanestro di Young, a lungo sul pino. Prosegue una vetrina cestistica piuttosto misera, diverse brutture e qualche fischio altrettanto poco competente: 64-61 con Young nuovamente in campo. Gioca bene Casalpusterlengo sui pick’n roll, cosi come ottimo impatto del giovane Donzelli e di Carrizo; Daniele Mastrangelo e’ l’uomo della partita, domina fisicamente gli avversari, colpendoli da oltre l’arco e in entrata. Grayson finisce l’opera nella prima uscita convincente: vince Trieste con qualche patema (e Holloway in panchina), 80-75 e son punti che valgono doppio.

Raffaele Baldini (www.cinquealto.wordpress.com)

Pubblicato il dicembre 7, 2014 su HighFive, News. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: