Arrivata la crisi, lo “sciopero” di Holloway e l’integerrima direzione arbitrale

che succede?

che succede?

E’ arrivata puntuale… lasciatela sfogare

Puntuale come l’influenza invernale, la crisi della Pallacanestro Trieste 2004 bussa alle porte del Palatrieste. Non e’ in stretta relazione con le sconfitte, la semplificazione di un giudizio in base alla vittoria o alla sconfitta puo’ essere fuorviante; bensi e’ una crisi fisica, quindi di gioco. Ecco, il “quindi” fa tutta a differenza del mondo, nel concetto che vado ad esporre: non arrovellatevi su questioni tecnico-tattiche alla base delle debacle ultime. Trieste consuma il brevetto dalmassoniano da qualche anno senza cambiare granche’. Per questo motivo “i giochi di Dalmasson funzionano o non funzionano” e’ un ritornello usato spesso ma che non ha mai rappresentato un assunto. Semplicemente quando manca la freschezza nelle gambe, il gioco di sistema non permette di battere la prima linea per creare sovrannumeri e soluzioni utili, annebbia le idee e rende prevedibile tutto. Il flesso negativo quindi e’ fisiologico, preoccupiamoci invece se la versione di Holloway contro Casale non sia l’ennesima rappresentazione da americano indolente; e credete che il linguaggio del corpo del buon Murphy non suggeriva grandi messaggi.

Godiamoci le ultime passerelle di un prossimo protagonista del basket italiano

E’ da qualche anno che “viviseziono” Stefano Tonut, che lo studio in funzione della crescita, che analizzo i segnali di un talento che ha fatto spesso a cazzotti con un carattere troppo “educato”. E’ il destino di quello che puo’, a ragione, essere definito il talento piu’ cristallino degli ultimi quarant’anni cresciuto a Trieste, visto che Pozzecco non ha potuto “consumare” la sua ascesa nella prima squadra cittadina. Gli ultimi esami quasi tutti passati: ha superato una mini crisi senza batter ciglio, ha palesato una saldezza mentale invidiabile all’All Star Game, in una sfida fastidiosamente accentratrice, ha trascinato diverse volte la squadra alla vittoria. Insomma, il ragazzo e’ pronto, pronto a quel salto di categoria che merita. Da buongustai del genere, godiamoci le ultime uscite di un prodotto DOC, di un figlio d’arte che ha costruito con intelligenza e pazienza la sua graduale scalata all’Olimpo. Resta ancora uno scoglio, non proprio di secondaria importanza: la scelta della miglior destinazione, quella che anteponga la valorizzazione del talento rispetto a logiche “americaniste”.

 

Ottimi fischi, ma che si ripetano!

Coraggio e tempismo. Queste sono le caratteristiche cui possono fregiarsi gli arbitri che hanno diretto al Palatrieste. Sfondamento di Tonut (ci poteva stare), nessun fischio su una forzatura del raddoppio piemontese (qualche dubbio in piu’); decisamente uno sfoggio di grande personalita’, soprattutto quando va a sfavore della squadra di casa. Posto che la conduzione arbitrale debba deontologicamente essere lineare in ogni sito, in ogni situazione e con ogni condizione ambientale, l’augurio e’ che si possano registrare altri episodi analoghi nei minuti chiave delle partite. Buttandola sulla caciara di bassa lega: due azioni consecutive con protagonista il miglior giocatore della partita, fra l’altro uno della squadra di casa, in un finale caldo davanti a oltre 3000 persone… senza alcuna titubanza degli uomini in grigio… le vedremo fra qualche decennio!

 

Quanta durezza sotto il cielo biancorosso

Lungi da me fare il buonista della situazione (mi riesce malissimo). Noto pero’ con stupore alcuni commenti molto duri sui social network nell’immediato post partita. Ragazzi, chi siamo e da dove veniamo… ricordatelo sempre, e’ un esercizio utile in qualsiasi ambito esistenziale. I relitti “dipinti” dagli appassionati feriti sono settimi in classifica,  piu’ infinito rispetto la quota salvezza (Barcellona affianchera’ Forli nella discesa all’inferno), ha regalato brani di piacevole pallacanestro per diverse settimane e, cosa non trascurabile, ha fatto (e potrebbe farlo ancora) sognare la piazza per un po’.

Lasciate passare la nottata…

Raffaele Baldini (www.cinquealto.wordpress.com)

Pubblicato il gennaio 12, 2015 su HighFive, News. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: