I nuovi leoni biancorossi. Giovedì, una città… al Palatrieste!

Per settimane poteva sembrare un accostamento azzardato: i ragazzi terribili di coach Dalmasson come i leoni nero-verdi dell’Hurlingham di Dado Lombardi. Scomunica! va bene, ma per il sottoscritto il peccato non c’è.

OLYMPUS DIGITAL CAMERAEntrambe la formazioni hanno un matrice fortemente triestina (anche nelle peculiarità tecniche dei giocatori), un orgoglio che fa provincia e un appeal sul pubblico clamoroso. Cambiano i nomi (ma non sempre i cognomi), le canotte e i pantaloncini attillati hanno lasciato spazio a “bragoni” e gomitiere alla Iverson, i teatri son diversi (anche se un giornalista del Resto del Carlino mi chiedeva che fine avesse fatto… Chiarbola), la passione INALTERATA. Ed è da questo punto che si riparte: mai come questa stagione, seppur in un crescendo partito da lontano, la città si è immedesimata in questa sporca dozzina di atleti. Insomma poveri ma dannatamente cazzuti (passatemi il francesismo, ma è l’unico a rendere esattamente il concetto), sul ciglio del burrone spesso ma capaci di insospettabili scatti di reni per uscirne vivi.

E’ Pallacanestro Trieste mania, la post season una bellissima gita al Luna Park, per cui tutti vorrebbero un giorno in più per soddisfare il proprio divertimento. Il prolungamento passa inevitabilmente per giovedì e per il Palatrieste: gara 3, la “bella” (si, bella per chi vince…), quei quaranta minuti senza ritorno che innalzano la pressione a 180. L’energia consumata in questa lunga stagione necessita di un propellente per muovere sino al traguardo la macchina biancorossa: questa energia è quella dei tifosi, del caldo abbraccio della propria gente. Non ce ne sarebbe bisogno, visti anche i segnali che arrivano dal punto vendita (500 biglietti bruciati in un giorno), ma non è mai abbastanza.

La squadra e il coach hanno alzato l’asticella diverse volte, ora tocca a Trieste. E, ricordo qualora fosse passato inosservato, ogni centesimo che il popolo di appassionati verserà per questi eventi, sarà INVESTIMENTO per dare un futuro alla società; ribadisco, non si sottovaluti quanto URGENTE sia il bisogno di pecunia sonante.

Scandite il tempo, radunate cacciatori di emozioni forti… giovedi “do or die”.

Raffaele Baldini (www.cinquealto.wordpress.com)

Pubblicato il aprile 28, 2015 su HighFive, News. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: