Evidentemente non mi sono spiegato…

lettera_agli_elettori_elettorale-300x225Quando le sfumature non arrivano, la colpa è del sottoscritto. Evidentemente il messaggio che è filtrato dalle “pillole post Legnano” è stato di uno spogliatoio biancorosso non coeso. Cercherò di rendere più chiaro il concetto (pur avendolo anche scritto): il gruppo costruito sotto l’egida della Pallacanestro Trieste 2004 è un BUON GRUPPO, fatto di ragazzi in sintonia, conservando però le peculiarità di ognuno. Pensare quindi di aver di fronte 12 educande che si allacciano le scarpette vicendevolmente ad ogni allenamento sarebbe da malati di mente, così come pensare che qualche screzio sui 28 metri di campo generi per forza rottura prolungata.

La sfumatura andava nella direzione di far capire quanto sia importante acuire il senso di GRUPPO all’interno dei 40 minuti della partita, mandando segnali di incoraggiamento ai compagni, supportando chi è in difficoltà, evitando insomma di essere indifferenti. Il passo non è automatico, pur considerando quanto sopra esplicitato, tutt’altro; dimenticare le paturnie di un match giocato non all’altezza, smettere di inveire silenziosamente con l’allenatore per un cambio, appassire sul pino con lo sguardo vuoto… per un incitamento, è un tassello fondamentale per portare a casa la vittoria. Recentemente due sommi esempi, non a caso capitani: Marco Carra e Andrea Coronica.

Quindi non si può banalizzare, come fa qualcuno, in “gruppo coeso o no”. Così facendo si genera un distorto senso del dibattere pallacanestro. Così come trovo “curioso” interpellare il Presidente Mario Ghiacci sulla questione; forse, ma proprio forse, sarebbe da interrogare chi vive lo spogliatoio giornalmente… no?

Son rimasto stupito anche della risposta del numero uno societario, mi aspettavo piuttosto qualcosa del tipo… “certo, il gruppo non è coeso, si massacra di botte e insulti durante tutto l’arco della settimana…”.

Sul mercato la dichiarazione di prammatica ci sta ed è il sano gioco delle parti, sul resto consiglio di non ridurre i concetti a comparti stagni per renderli fruibili a chiunque. La pallacanestro, grazie al cielo, è fatta di tanti colori, gradazioni che lo impreziosiscono. Altrimenti diventa uno scarabocchio…

Raffaele Baldini (www.cinquealto.com)

Pubblicato il dicembre 29, 2015 su HighFive, News. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: