Quelli del ’76, 200 di sistema e i 70 anni di un uomo vero

ANG_1785Mi scuseranno Dalmasson e i giocatori dell’Alma Trieste, ma il lunedì delle pillole lo voglio gerarchizzare con un primo doveroso omaggio.

Quei fantastici “giovani-dentro” ragazzi del ‘76

Una passerella ammantata di storia, i protagonisti di uno spareggio che ha schiuso le porte al futuro del basket triestino, ritrovati fra qualche chilo di più, qualche capello grigio ma lo stesso entusiasmo. Non mantengo privata una confidenza di Franco Pozzecco (a fin di bene, mi capirà); in una lettera-email spedita da Mauro Bacchelli (ora non in Italia) a tutta la squadra, c’è tutta l’essenza di quel gruppo. “Ci siamo insultati, abbiamo lottato, abbiamo sofferto…ma siamo sempre stati una Squadra”, più o meno è questa la meravigliosa sintesi della spontanea esternazione. C’è qualcuno che ha messo in fila i giocatori sul parquet del Palatrieste da lassù, quel “Cola” Porcelli che nessuno ha dimenticato, il timoniere di una grande salvezza. Grazie di tutto ragazzi, grazie Pallacanestro Trieste per aver reso loro omaggio, grazie per le emozioni.

200 volte Dalmasson, una città a…sistema

Ormai in città le casalinghe fanno la spesa… con il sistema, gli impiegati stilano rapporti con il… sistema, avvocati studiano arringhe… di sistema, insomma Eugenio Dalmasson, a forza di pilotare la prima squadra cittadina verso traguardi inaspettati, è diventato la guida spirituale di un folto gruppo di appassionati. Il suo modo di concepire pallacanestro ha coniugato perfettamente esigenza di bilancio-gioventù locale-rispetto per la piazza; il suo modo di vivere la realtà giuliana è sempre stato sobrio e poco incline a istrionici slanci per accaparrarsi le simpatie della gente, la standing ovation il giusto tributo per il LAVORO svolto. Pensare la pallacanestro contemporanea triestina senza abbinarla alle logiche di Dalmasson è praticamente impossibile; anche nei momenti critici, o nelle divergenti vedute tecnico-tattiche, tutti hanno poi finito per riallineare il proprio giudizio al pieno consenso verso il coach veneto. E Trieste non è ancora stufa dopo 200 rappresentazioni…

La squadra è in salute, qua ci si può divertire veramente…

L’Alma Trieste gioca a memoria, e quando è così ci si può veramente divertire. Un sorriso del coach, la serenità di chi gioca, la verve ritrovata di Pipitone e del rientrante Landi sono segnali che fanno ben sperare. In pieno rush finale Trieste sta benissimo, Bossi non sbaglia nulla, Parks scherza sui deboli anticorpi avversari, Pecile fa il chirurgo… e ora, nel momento del bisogno, vengono ritrovati i complementi di lusso come Coronica, Prandin e Canavesi. La forza di un’identità è quella che mette a proprio agio chi poteva essere più in difficoltà, e Pipitone ne è la riprova. Strepitoso per energia e incidenza, il lungo siciliano ha scolpito nella pietra che nella battaglia post season eventuale, lui ci sarà, e anche cazzuto. E ora domenica arriva Legnano, certa della salvezza dopo la vittoria con Imola, un buon motivo per conquistarsi i play off senza rischiare.

Auguri ad un uomo vero, Sergio Dalla Costa!

Ci sono persone che sono eleganti fuori, ma soprattutto dentro. Sergio Dalla Costa è uno di questi, festeggiato doverosamente per 70 anni compiuti e ottimamente portati. Il Team Manager dell’Alma Trieste è uno che potrebbe, per background e vissuto, esternare trattati di pallacanestro; invece resta al suo posto, fedele al suo mandato professionale e ben rispettoso dei ruoli. Le volte che ho potuto scambiare quattro chiacchiere con Sergio Dalla Costa, ne sono sempre uscito arricchito, ma non solo in senso didascalico, ma per qualcosa di più straordinariamente elevato: educazione, senso critico e onestà intellettuale sono una griffe dell’eleganza innata di Sergio.

Tanti cari auguri!

Raffaele Baldini (www.cinquealto.com)

Pubblicato il aprile 11, 2016 su HighFive, News. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: