Annunci

E’ il giorno…gara 5, vincere o morire

ang_4214Ci siamo, l’ora “X” sta per scoccare, ultimo atto della serie fra Trieste e Treviglio, in palio il passaggio ai quarti di finale. Parlare di chiavi tecnico/tattiche per due formazioni che si conoscono a memoria sarebbe superfluo; i quaranta (e forse anche più) minuti di giovedì sera saranno un concentrato di adrenalina, dove la grinta e la voglia di vincere calpesteranno la ragione.

Alma-factor – Si prepara una Santabarbara in quel di Via Flavia. Tutta la passione cestistica giuliana si riverserà a tinte rosso fuoco sotto le volte dell’Alma Arena. La vigilia ha avuto un imperativo sottoscritto da tutti: fino alla fine, tifo incondizionato. Con presupposti similari, il placido e competente pubblico triestino ha dimostrato di saper dare anche una massiccia dose di veracità canora, lo si è visto con Treviso, nel derby con Udine, con le due bolognesi, in gara 1 e 2 contro Treviglio. In un modo o nell’altro quindi la cornice di questo evento sarà LA variabile incidente nel match.

Quando si è spalle al muro… – Eugenio Dalmasson, in tempi non sospetti aveva dichiarato: “la mia squadra quando è tranquilla rende molto meno di quando è con le spalle al muro”. Bene, le condizioni per vedere una grande Alma ci sono tutte, le due sconfitte in terra lombarda hanno veicolato tutto in una gara 5 “do or die”. Niente di meglio per spiriti impavidi come quelli biancorossi, niente di meglio per confermare la superiorità su Treviglio, soprattutto in casa, ritrovando l’amata difesa.

Rotazioni – Sarà l’argomento principe di questi play off 2017: le rotazioni degli effettivi. La sensazione è che allungando a 11 giocatori la squadra non trova il giusto ritmo, fatica a trovare punti di riferimento e non sempre garantisce l’intensità voluta. A maggior ragione in una gara decisiva, in cui l’ultimo pensiero è la condizione fisica, la necessità potrebbe diventare quella di “consumare” le competenze per cui il prodotto Alma Trieste è superiore a quello di Treviglio, a costo di veder svenire i protagonisti al suono della sirena di fine match. Se l’ha fatto Mike D’Antoni con i suoi Rockets nei play off NBA…

Raffaele Baldini

Annunci

Pubblicato il maggio 11, 2017, in BASKET TRIESTINO, HighFive, News con tag , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: