Annunci

Gioia Alma Trieste, la Supercoppa è tua!

0792Trieste e Treviso alla ricerca del primo trofeo della loro storia recente, per quanto riguarda i giuliani addirittura il primo da quanto è stata fondata la Pallacanestro Trieste.

Daniele Cavaliero come di consueto scalda la propria gente infilando triple a ripetizione, la verve giuliana è la stessa della semifinale e in un amen il tabellone segna 2-10. John Brown sfrutta la maggior stazza contro il sacrificato di turno (Coronica ndr.) in casa Alma viste le assenze di Bowers e Da Ros; buon ritmo e partita divertente, Trieste sfrutta il bonus speso dalla Dè Longhi e torna avanti di 9 punti. Gherardo Sabatini sempre ispirato contro la squadra triestina, 5 punti consecutivi e altri 5 di Imbrò valgono il primo vantaggio veneto sul 22-21. Ottime soluzioni dei singoli di ambedue le compagini, primo quarto chiuso sul 27-28. La volontà della terna arbitrale di fischiare tutti i contatti portano il conseguente spezzettarsi del match e un impoverimento dello spettacolo; il risultato peraltro, in un numero di fischiate maggiore, è l’errore reiterato. Javonte Green entra in partita alla sua maniera, recupero difensivo e veloce transizione offensiva: 29-31 e Alma Arena ad alzare i decibel. Alessandro Cittadini “abusa” del giovane Poser, diverse gite in lunetta rimettono avanti la squadra sul +7; diverse occasioni sprecate dai padroni di casa rimettono totalmente in carreggiata Treviso, brava a non staccare mai le mani dal volante e a riportarsi avanti sul 40-38. John Brown danza sul piede perno, Dè Longhi chiude con inerzia a favore i primi venti minuti: 44-40.

Fiammata giuliana ad inizio terza frazione, parziale di 0-5 e nuovo vantaggio con conseguente time out di coach Pillastrini. Juan Fernandez ha una due giorni da incubo con i fischietti, quarto e quinto fallo con tecnico e partita finita. Giga Janelidze torna a produrre la sua pallacanestro di quantità, Alma rianimata difensivamente e offensivamente: 51-60. Dalla parte opposta è sempre Brown a fare la differenza, ma la terza frazione si chiude con Trieste saldamente avanti 60-68. “Ventello” di Brown, giocatore totale a servizio della causa; nello stillicidio di falli Treviso ritrova vigore e il match è nuovamente in equilibrio sul 66-68. Daniele Cavaliero si scaviglia in maniera importante, l’uscita di scena è un’altra tegola per coach Dalmasson. John Brown in momento estatico, trasforma in oro ogni cosa che tocca, mentre anche Andrea Coronica lascia il campo per raggiunto limite di falli. Ultimi cinque minuti di rara intensità, Gherardo Sabatini rebus irrisolto per i giuliani, Cittadini per i veneti: 74-74 a tre minuti dal termine. Tecnico alla panchina Dè Longhi, Baldasso scatena la vena balistica e il trofeo prende  la via di Trieste: finisce 78-88 nel tripudio dell’Alma Arena.

Direttore Raffaele Baldini

Annunci

Pubblicato il settembre 23, 2017 su BASKET NAZIONALE E INTERNAZ., BASKET TRIESTINO, HighFive, News. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: