Annunci

Le pagelle dei…Campioni!

CittaFonte: Il Piccolo a cura di Raffaele Baldini

ALMA TRIESTE

 Javonte Green: Un’altra versione “nascosta” del coloured con il numero 5; quando serve si mette a disposizione del gruppo con tante cose nascoste ma decisive. Sempre più maturo. Sicurezza

 Juan Fernandez: Appare sensibilmente condizionato dai tre “arancioni”, la sensazione diventa realtà su un risibile quarto fallo; il quinto fallo è sfogo retaggio di una due giorni da incubo. Ossessione con fischietto

 Daniele Cavaliero: Apre le danze con la consueta incidenza da oltre l’arco; Treviso capisce che è necessario adeguarsi al talento del triestino e il match si fa più complesso. La scavigliata nel secondo tempo tiene con il fiato sospeso mezza Trieste. Stoico

 Alessandro Cittadini: Un’altra prestazione da protagonista; chiama e ricevi molti palloni, spesso convertendoli in canestri o falli subiti. Il restyling voluto da Dalmasson per la nuova stagione sta dando i primi frutti. Mvp

 Giga Janelidze: Moto perpetuo in salsa georgiana, l’ “oggetto misterioso” del mercato sta diventando una pedina imprescindibile per il gruppo. Operaio di lusso

 Andrea Coronica: Dura la vita di jolly. Ci prova con tutto quello che ha (e che non ha), John Brown però ha centimetri, verticalità e tecnica. Agnello sacrificale

 Lorenzo Baldasso: In un paio di minuti Lorenzo confeziona materiale per mandare in analisi coach Dalmasson; si scatena nel secondo tempo con tre triple e alcuni canestri di importanza olimpica. Araba Fenice

 Roberto Prandin: Solito contributo sull’orlo del deragliamento; meno lucido del solito ma sempre sul pezzo. Pretoriano

 Federico Loschi: Meno preciso nel primo tempo, intestardito in una battaglia con la terna arbitrale. Serata non da ricordare, ma la festa è anche la sua. Sfocato

 Matteo Schina: Minuti importanti in cui gestisce più di aggredire la partita. Serve quel pizzico di intraprendenza in più in un ruolo di comando come quello del regista. Timido

 Stefan Milic: n.e.

 Lodovico Deangeli: n.e.

 All. Eugenio Dalmasson: La versione di precampionato della sua creatura appare lontana ancora dal rendimento difensivo della scorsa stagione; alla fine è l’uomo del primo trofeo di Trieste. Vincente

Annunci

Pubblicato il settembre 24, 2017, in BASKET TRIESTINO, HighFive, News con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: