Annunci

Alma domina per 35 minuti, poi rischia ma vince

javonte_greenParte una nuova stagione targata Alma Trieste, forse la più stimolante degli ultimi 13 anni, sicuramente la più ambiziosa. La squadra di coach Dalmasson fa visita ad Orzinuovi (senza Ghersetti), al Pala Sanfilippo di Brescia, orfana di tre pedine del quintetto base.

Distratta nei primi minuti la squadra giuliana al punto di non mettere nella prima tacca della lunetta un proprio giocatore durante il secondo libero avversario: 5-1. Dalla difesa di Coronica nasce una reazione biancorossa, ma Orzinuovi risponde colpo su colpo; l’ispirazione offensiva di Tourè si stempera, Green viene innescato da Fernandez e c’è il primo vantaggio giuliano sul 12-13. Squadra lombarda calibrata a dovere, segno evidente di un gruppo vincente, l’extra-pass garantisce conclusioni ad alta percentuale per Valenti e soci; prima frazione chiusa sul 17-18. Entra Prandin e si alza il livello difensivo dell’Alma, Juan Fernandez invece si ricorda di essere un sopraffino attaccante mettendo tre canestri di pregevole fattura: 19-26. Prandin e Coronica leader silenziosi di una Trieste con spirito pugnace, Orzinuovi fa tanta fatica a mettere Sollazzo nel match; la tripla di Cittadini crea il primo break sul +8 esterno. Javonte Green disegna bambini con i baffi giocando spalle a canestro, sfruttando mis-match fisici e tecnici; Andrea Coronica giganteggia a rimbalzo offensivo e le squadre vanno all’intervallo sul 28-41.

Olasewere timbra la presenza nella serata bresciana con un canestro da sotto, flebile segnale ad un gruppo che non appare convinto del tutto di mettere in difficoltà l’Alma. Gioca bene Trieste, in difesa e in attacco, +19 e un Green sempre più dominante assieme a Cittadini, coach Crotti è costretto ad un time out. Ottima uscita dal minuto degli orceani, parzialino di 6-0 e Dalmasson ferma la partita prima che si esalti troppo l’ambiente del SanFilippo: 40-53. Rianimata la squadra di casa, Scanzi segna da casa sua e il terzo quarto lascia una partita aperta sul 48-61. L’attaccante più pericoloso dei padroni di casa è Scanzi, Alma Trieste in leggero sbandamento e dalla lunetta Olasewere porta sul -8 i suoi. Momento molto complesso per i giuliani, Green stanco ma in grado di trovare canestri nel modo più inconsueto; Olasewere inchioda nel canestro la voglia dei padroni di casa, clamoroso -4 a 4 minuti e 28″ dal termine. Anche Adam Sollazzo torna ad essere il terminale incidente che tutti conoscono, colpo su colpo per un bel finale al Pala Sanfilippo; “Fernandez-to-Cittadini” per un canestro di inestimabile valore, Olasewere per il -3 ma Fernandez chiude dalla lunetta il match: 73-78 il finale, buona la prima per l’Alma.

Raffaele Baldini (www.cinquealto.com)

 

Annunci

Pubblicato il ottobre 2, 2017, in BASKET TRIESTINO, HighFive, News con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: