Annunci

La domenica dei top player…

20181007_205044_resizedFonte: Il Piccolo a cura di Raffaele Baldini

La serie A di pallacanestro ha aperto i battenti, protagonisti noti e meno noti si son fatti vedere all’esordio deliziando le platee dello stivale. La prestazione più eclatante la si né vista proprio sotto le volte dell’Allianz Dome, purtroppo per Trieste in canotta bianca Segafredo Bologna; Kevin Punter (29 punti) non sbaglia un colpo, 4/4 da due punti, 5/5 da tre punti, sporcando con un libero una serata da 38 di valutazione. Pazzesco il Calebb Green che trascina Avellino al successo contro Cantù: 32 punti, 15 rimbalzi (è un esterno ndr.) e 42 di valutazione; il suo fatturato però è da leggere in abbinata a quello di Norris Cole, regista di classe in grado di segnare 21 punti e di servire 13 (!!) assistenze ai compagni. Nel doppio supplementare di Trento, l’oro di Cremona è rappresentato dalla prestazione a tutto tondo di Wesley Saunders: 29 punti, 8 rimbalzi e ben 10 falli subiti sono lo scout di un giocatore praticamente infermabile, se non in maniera illegale. Il solito leader di Varese, Aleksa Avramovic, non tradisce all’esordio e con 30 punti, 5 triple e 6 assist trascina i suoi ad un successo importante contro la quotata Germani Brescia. Quando si dice che le maestranze d’importazione non fanno la differenza: il quintetto straniero pesarese Blackmon-McCree-Lamond-Dominic-Mockevicius producono 77 degli 83 (quasi il 93%) punti di squadra che servono per battere la Orora Pistoia. Mike James è stato portato all’Olimpia Milano per essere la punta di diamante del sistema offensivo di coach Pianigiani; l’americano scaccia fantasmi dal Forum abbattendo a suon di canestri l’Happy Casa Brindisi. 20 punti e 5 assist, ben supportato da uno dei pochi italiani protagonisti nella prima giornata, Amedeo Della Valle, autore di 11 punti e tre triple. Larry Brown saluta Torino per tornare in America a curarsi (siamo sicuri che siano solo problemi di salute?), ma la sua squadra manca di un niente la vittoria in quel di Venezia. Nei lagunari la forza del gruppo fa la differenza, con i quattro USA Haynes-Watt-Stone-Daye a confezionare bottini sopra la doppia cifra. Riccardo Julio Ledo mantiene le premesse della vigilia caricandosi Reggio Emilia sulla spalle e portandola ad un clamoroso successo sulla Dinamo Sassari di coach Esposito. La point-guard ne mette 22, con 5 rimbalzi e 4 assist; la strada verso la salvezza della Grissin Bon passerà molto spesso per le mani dell’esterno. Fra gli sconfitti una menzione d’onore, anche perché è tinta di tricolore, per la partita disputata da Awudu Abass: 17 punti, 3/3 dall’arco dei tre punti, 7 rimbalzi e 25 di valutazione. Di questi tempi, nella massima serie, in cui si registra nella sfida fra Avellino e Cantù 0 punti segnati da italiani di nascita, è una boccata d’aria fresca.

Annunci

Pubblicato il ottobre 10, 2018, in BASKET NAZIONALE E INTERNAZ., HighFive, News con tag , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: