Annunci

Si scalda Avramovic e la partita finisce. Varese vince comoda contro Trieste

imageNella “Mecca” del basket lombardo la neopromossa Alma Trieste affronta l’Openjobmetis Varese, una sfida fra compagini che cercano di capire cosa faranno da grandi. La squadra di coach Caja ha tutti gli effettivi a disposizione, i triestini senza gli infortunati di lungo corso Da Ros, Know e Janelidze e con Peric acciaccato.

Ottime giocate corali da ambo le parti, il match comincia con una pallacanestro godibile e il vantaggio interno sul 7-3. Polveri bagnate in casa giuliana, Varese paga il secondo fallo prematuro di Archie ma difende alla grande in area pitturata costringendo Strautins e soci a forzature. Continua l’arida versione dall’arco della squadra di Dalmasson (1/8), un canestro facile di Moore costringe il coach veneto al time out, con Varese saldamente avanti sul 11 a 3. Strautins con una tripla che sblocca l’Alma, ma l’aggressività difensiva ordinata da Caja riassesta il gruppo, con il solito Scrubb a lavorare d’anticipo  e a scatenare la transizione offensiva. Tayler Cain è la solita sostanza nelle due metà campo, l’Openjobmetis brava a speculare sul bonus speso da Trieste e il primo quarto è dominio lombardo: 21-17. Hrvoje Peric scaltro a far cadere Archie nella terza infrazione, Wright docente di leadership e la tripla dello stesso Peric porta avanti l’Alma sul 23-25 con time out immediato di Caja. Devondrick Walker farebbe un patto con il diavolo per sbloccarsi ma la vita del tiratore è complessa quando non c’è il rumore dolce del cotone alla fine di ogni tiro; Ronald Moore scuote Masnago con 5 punti di fila, Trieste si distrae e sul +7 Dalmasson ferma nuovamente la partita. Scrubb mortifica ogni velleità di rimonta ospite, ma soprattutto rianima i suoi in fase offensiva; squadre all’intervallo sul 46-40.

Solito terzo quarto intenso difensivamente per l’Alma Trieste, ma Varese non lascia spazio a possibili recuperi; Peric non sbaglia mai, 15 punti con il tassametro che corre e ospiti a -1 su tripla di Fernandez. Avramovic sente l’odore del sangue, 8 punti dal peso specifico immenso, nuovo break dei lombardi: 60-52. “In the zone”, Avramovic si incendia definitivamente, canestri da tre punti a ripetizione con l’uomo addosso, c’è inerzia vera per Varese con il vantaggio in doppia cifra. In scioltezza la squadra di casa che trova fluidità offensiva, Alma ancorata a Cavaliero e con Peric a riposare in panchina; terza frazione chiusa sul 67-55. Manca il colpo del ko la squadra di Caja, pigramente ancorata al tiro da fuori, anche se Trieste palesa un linguaggio del corpo pallidissimo; Alma ancorata a quota 55, tutti tiri sul ferro e Varese vola inesorabilmente a +16. Ultimi cinque minuti senza scosse al match, Cain continua a impegnare tutto un reparto ospite e la vittoria arriva con pieno merito: 78-66 sul tabellone, ennesima prestazione convincente della squadra di Caja, per la neopromossa Alma una prova sbiadita ma senza drammi.

Raffaele Baldini

Annunci

Pubblicato il ottobre 18, 2018, in BASKET NAZIONALE E INTERNAZ., BASKET TRIESTINO, HighFive, News con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: