Annunci

Alma, l’orgoglio non basta. Virtus Bologna in A1!

dalmassonSi torna all’Alma Arena di Trieste, Virtus Bologna e quaranta minuti dalla serie A ma con uno scoglio imponente di 7000 persone a supporto della squadra di coach Eugenio Dalmasson.

Gran partenza in un ambiente da Eurolega, la Virtus Bologna di personalità con due triple e un Lawson pulito offensivamente: 7-10. Guido Rosselli domina fisicamente Coronica spalle a canestro, come sempre le letture virtussine fanno la differenza in questa serie; difesa anche competente bianconera, bloccando sul perimetro Cavaliero e chiudendo le penetrazione degli americani, vantaggio costante sul 9 a 15. Alma poco “cattiva” nell’impegnare la difesa felsinea, complesso anche il rapporto con il canestro, Virtus però che non approfitta. Colpo di reni giuliano, parziale e pareggio con Green su palla recuperata, Alma Arena infuocata con la terna arbitrale e primo quarto con il primo vantaggio interno: 19-18. Terna arbitrale in confusione tecnica, chi mette tutti d’accordo è la solita coppia straniera Umeh-Lawson, ispirata a dir poco; torna a giocare di squadra la Virtus e con un parziale di 0-8 torna  comandare: 24-29. Ancora una volta Davide Bruttini si fa trovare presente alla chiamata di Ramagli ma dalla parte opposta Baldasso torna a essere il cecchino da play off; se “Lollo” punisce, il resto della squadra difende a dovere, 32-33. Tanta fisicità da ambo le parti, nessuno indietreggia e livello molto alto di pallacanestro, squadre all’intervallo sul 37-38.

Due ruggiti di Jordan Parks per riaprire le danze, Da Ros colpisce dall’arco ed è nuovo vantaggio giuliano sul 44-42. Un antisportivo da leggenda fischiato a danno di Da Ros regala tre punti comodi alla squadra di Ramagli; Michael Umeh torna in cattedra a predicare pallacanestro, punti a ripetizione e contro sorpasso ospite. Andrea Pecile ha orgoglio che fa provincia, al suo ritmo ma con tanta tecnica tiene su ambo i lati del campo, mentre Lawson riceve il testimone di Umeh facendo male in area pitturata: 51-51. La staffetta su Cavaliero è la chiave della fine di terza frazione, Trieste non trova terminali credibili se non nel rientrante Baldasso: 54-58. Sembra nelle facce dei biancorossi di vedere un flebile segno di resa, quasi una serena accettazione di un’inferiorità tecnica. Michael Umeh è l’uomo di queste finali, giocatore totalmente immarcabile. Javonte Green prova ad affondare nel canestro una schiacciata per svegliare i compagni, l’Alma Arena segue a ruota in un moto d’orgoglio giuliano. E’ totale bagarre, vale tutto e spesso anche andando oltre il lecito: 61-63. Green pareggia in una santabarbara, sono quattro minuti ad altissima intensità. Virtus con l’obiettivo di penetrare e servire sugli scarichi Lawson, un bell’affare che garantisce il vantaggio; Marco Spissu come sempre infila la tripla decisiva e si lascia andare a una reazione evitabile sotto la curva triestina. Finisce 66-72, La Virtus Bologna conquista meritatamente la massima serie, per l’Alma Arena un infinito, immenso applauso per una stagione indimenticabile.

Raffaele Baldini (www.cinquealto.com)

Annunci

Pubblicato il giugno 19, 2017, in BASKET TRIESTINO, HighFive, News con tag , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: