Annunci

La verità di Gianluca Mauro e le inappropriate analogie con il “caso Stefanel”

MauroFonte: Il Piccolo a cura di Raffaele Baldini

Gianluca Mauro è un amministratore delegato dimissionario. Con lui anche Mario Ghiacci e Sergio Iankovics, in attesa di un nuovo Cda che formalizzi la “squadra” che governerà la prima società di pallacanestro locale, proviamo ad ascoltare le ragioni di una .

Per una mossa così clamorosa c’è una decisione ben ponderata alle spalle. Perché queste repentine dimissioni in blocco?

“Non è una questione di aver ponderato o meno, quanto una questione di inopportunità altrui. Faccio una considerazione a largo raggio, utile ad esplicitare la scelta fatta: abbiamo vissuto tutti assieme una stagione fantastica, culminata con la finale promozione. Abbiamo registrato un attivo in bilancio che nello sport moderno è più simile ad un’utopia che ad una consuetudine. Siamo al vertice della categoria con ambizioni rinnovate di puntare alla serie A1. Che senso aveva uscire sui giornali polemizzando sull’operato societario? Inoltre, avevo chiesto al Presidente Marzini di posticipare eventuali incontri per chiarimenti sul suo ruolo per motivi strettamente personali; e quando parlo di posticipare non dico mesi, ma qualche giorno. Invece Giovanni Marzini ha chiesto, con una tempistica inopportuna, delucidazioni sul suo presunto ridimensionamento a “Yes man” in seno all’Alma Trieste, ben sapendo che sono stato io a caldeggiarlo di rimanere in tempi non sospetti, apprezzando la sua figura professionale. Insomma, tempi e modi che hanno convinto una parte del Cda a dare le dimissioni.”

E’ chiaro che il Presidente Giovanni Marzini non possa reggere da solo la realtà cestistica locale. E’ prevedibile un vostro re-insediamento, ma con che organigramma?

“Non è nostra intenzione stravolgere l’organigramma societario, tutti resteranno al loro posto.”

Un nome a lei gradito per assurgere al ruolo di nuovo Presidente?

“E’ prematuro fare nomi, stiamo valutando fra una serie di papabili.”

Dopo una ferita mai rimarginata come quella creata dalla dipartita di Stefanel verso Milano, l’appassionato triestino vuole garanzie sulla permanenza del basket di vertice in città. Cosa possiamo dire a riguardo?

“Anche qui ci tengo a fare un distinguo che a Trieste è quasi doveroso: la differenza fra Alma e Stefanel c’è ed è marcata. Al di là che la nostra azienda detiene il 62% delle quote e quindi non è la sola proprietaria della prima realtà cestistica locale, ha scritto nero su bianco, su accordi presi in sede di trattativa che, in caso di uscita, lascerà la società con zero debiti e il titolo di serie A2. Mi sembra qualcosa di nettamente diverso e di garantista rispetto all’infausta precedente esperienza con Stefanel. Fino a prova contraria il sottoscritto e Alma fino a questo momento abbiamo dimostrato con i fatti di tenere al basket locale; dico solo che prima dell’arrivo di Daniele Cavaliero, quando la società aveva un debito di 140.000,00 euro, Alma era pronta addirittura a ripianare in anticipo la falla creatasi fisiologicamente dalla stagione. Poi Mario Ghiacci saggiamente mi ha detto di aspettare i play off, visto il potenziale cittadino, ed ha avuto ragione…più che ragione. Ecco perché trovo inconsistenti le teorie allarmiste esposte in questi giorni.”

Annunci

Pubblicato il luglio 20, 2017, in BASKET TRIESTINO, HighFive, News con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: