Annunci

L’Alma suona la nona sinfonia, inno alla gioia!

ANG_9551L’occasione ghiotta per scappare via, l’ulteriore step positivo per rilanciarsi in campionato: Trieste e Ferrara di fronte con motivi diversi ma pur sempre nobili in un match dall’indubbio interesse.

Buona difesa giuliana per iniziare l’incontro, viatico per il primo vantaggio sull’ 1-9 con tripla di Fernandez; Mike Hall come prevedibile si mette in proprio giocando spalle a canestro con un competente piede perno, ma Lorenzo Baldasso restituisce lo “sgarbo sportivo” punendo dall’arco. Bella partita, buone letture offensive e esecuzioni proficue da ambo le parti, con un uomo solo al comando, Mike Hall, autore di 8 punti con due triple. Molinaro inchioda sulla testa di Da Ros un pallone alzando ulteriormente il livello di spettacolarità del match, in generale la Bondi capisce che l’area pitturata è un buon motivo per giocare molti palloni su Fantoni e soci; primo quarto chiuso con la magia di Moreno sul 20-19. Gioca bene la squadra di casa trovando sempre il tiro più opportuno e un Panni ispirato, Ferrara a +5 con una splendida transizione conclusa da Fantoni. C’è sempre una relativa concentrazione difensiva triestina nei primi venti minuti di partita, leit motiv stagionale ricalibrato nei quindici minuti di intervallo. Mike Hall in serata, inventa canestri di straripante talento e si arrabbia con Martelossi per un cambio ritenuto improvvido; seconda frazione chiusa con la Bondi meritatamente avanti 40-36.

“Da Ros-time”, cinque punti di fila per riprendere il discorso lasciato in quel di Mantova; Javonte Green vola in cielo per schiacciare un tap-in clamoroso e Bowers torna a “sporcare” lo scout con un canestro in semi gancio: 43-47 (3-11)e time out Martelossi. Attacchi migliori delle difese, giocatori in grado di crearsi canestri grazie a qualità tecniche indubbie; Javonte Green è una pantera sui 28 metri dalla felina attitudine, un’altra schiacciata mantiene l’Alma avanti a Ferrara. Daniele Cavaliero si iscrive a referto in ritardo ma con senso del dramma, due triple per suggellare la fine del terzo quarto sul 56-62. Frazione calda e momenti per spiriti impavidi (ed esperti): Cavaliero-Cittadini salgono in cattedra per garantire il +8 esterno (60-66). Torna anche Mike Hall ma Cavaliero è “in the zone” risolvendo situazioni complesse: +13. Tre minuti con la Bondi a testa bassa trascinata dal solito Hall, fuoco di paglia prima del punto esclamativo del fuoriclasse Green. Finisce 74-81, non c’è pausa stagionale che possa fermare la corazzata biancorossa, nonostante Ferrara non abbia demeritato.

Raffaele Baldini (www.cinquealto.com)

 

Annunci

Pubblicato il dicembre 3, 2017, in BASKET TRIESTINO, HighFive, News con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: