Annunci

Non c’è storia, troppa Alma Trieste per Orzinuovi

Un testa-coda che non lascia troppo spazio all’immaginazione: Alma Trieste nella necessità di staccare la Fortitudo Bologna vittoriosa nella giornata di venerdì contro Udine e la Poderosa Montegranaro perentoria nel prendersi i due punti contro Ferrara.

Due falli di Fernandez in un minuto e mezzo, notizia che non scuote gli animi di chi è abituato a seguire le sorti della squadra triestina. Inizio partita senza troppi tatticismi, con le due contendenti a sfidarsi offensivamente: 8-6. Bastano tre azioni difensive della squadra di Dalmasson per scatenare la transizione e il primo break dei padroni di casa: 16-8 con 8 punti di Fernandez. Laurence Bowers continua a migliorare il suo rapporto con il canestro, la confidenza è a buonissimi livelli, pur considerando che Orzinuovi non presente una difesa degna di questo nome. 31 punti in dieci minuti concessi a Trieste sono un fardello pesante da portarsi appresso sotto le volte dell’Alma Arena: 31-17 il parziale dopo il primo quarto. Javonte Green torna a disegnare bambini con i baffi, giocando una pallacanestro essenziale: 15 punti e 5 rimbalzi in neanche 12 minuti di gara. La compagine lombarda entra in ritmo con alcune conclusioni ben costruite, non c’è reale cambiamento di inerzia ma un minimo di vita si: 35-24. Il “microonde” Prandin scalda subito la platea con 5 punti consecutivi, massimo vantaggio interno sul +16 e time out Finelli. Il terminale più credibile di Orzinuovi, ergo Adam Sollazzo, è ben ingabbiato da Loschi, Baldasso chirurgicamente colpisce dall’arco e il divario si amplia inesorabilmente: intervallo con il risultato che è già sentenza, 57-30.

Pronti via e il “trentello” di vantaggio si materializza con un libero di Fernandez; sempre dalla difesa arrivano le note dolentissime degli ospiti, sfiduciati al punto da perdere palloni banali in attacco. Federico Loschi arma la mano con tre triple e un canestro, il passivo per Orzinuovi si fa imbarazzante: 76-35 e time out Finelli. Javonte Green attacca il ferro con felina propensione, la pantera torna a far male rimpolpando un bottino già ampio: 21 e il tassametro corre. Terzo quarto chiuso sul 85-43. Ultimi dieci minuti per gli archivi statistici, esce in una standing ovation Javonte Green, autore di 27 punti in 22 minuti, ben oltre la “media Petrovic”. Finisce 105-64, l’ultima comoda sfida triestina prima di 7 partite complesse, per Orzinuovi seri problemi in vista di una salvezza tutta da conquistare.

Raffaele Baldini (www.cinquealto.com)

 

 

 

Annunci

Pubblicato il gennaio 14, 2018, in BASKET TRIESTINO, HighFive, News con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: