Annunci

Leggero calo? Alma Trieste “rilassata” dai precedenti storici

auto_graficoFonte: Il Piccolo a cura di Raffaele Baldini

Cali di rendimento, preoccupazioni in proiezione, fantasmi all’orizzonte…oppure è semplicemente un fisiologico momento stagionale?

Facendo un carpiato all’indietro, guardando i dati statistici degli ultimi campionati, sembra farsi largo l’idea che il momento non indimenticabile dell’Alma sia solo un vento freddo passeggero. Nella stagione 2016/17 il ruolino di marcia della Virtus Bologna promossa in serie A, recitò: girone di andata chiuso a 26 punti frutto di 13 vinte e 2 perse, davanti alla Dè Longhi Treviso (22 punti con record 11-4) e Alma Trieste (20 punti 10-5). Girone di ritorno terminato a pari merito con Dè Longhi Treviso e Alma Trieste a quota 42, frutto di 21 vittorie e 9 sconfitte.

La futura regina quindi registrò una flessione sensibile dopo il giro di boa, 8 vinte e 7 perse che misero spesso coach Ramagli in discussione. Per completezza d’informazione ricordiamo che diverse sconfitte coincisero con le assenze perduranti di Klaudio Ndoja e Davide Bruttini, e 4 gare senza Kenny Lawson.

Non andò diversamente l’anno prima, annata 2015/16, nella cavalcata vincente della Centrale del Latte Brescia. Girone di andata chiuso a 24 punti, frutto di 12 vinte e 3 perse, davanti all’Andrea Costa Imola (22 punti e record 11-4), Dè longhi Treviso e Dinamica Mantova (20 punti 10-5). A fine regular season ci fu il sorpasso della Dè Longhi Treviso che chiuse al primo posto con 44 punti (22-8), davanti alla Centrale del Latte Brescia e Dinamica Mantova (21-9). Anche in questo la seconda parte del campionato bresciano offuscò il brillante avvio, registrando un record di 9 vinte e 6 perse.

Comun denominatore di entrambe le formazioni poi vincitrici dei play off? L’acquisto in corsa chirurgico e di assoluto livello. La Virtus di coach Ramagli mise a posto una regia fino a quel momento supportata dalle giovani competenze di Marco Spissu e Lorenzo Penna con l’arrivo di Stefano Gentile, Brescia fece il colpo della vita assicurandosi un vincente pluriscudettato come David Moss. La conclusione fra le pieghe di numeri relativi è abbastanza deducibile: nessuna ansia vedendo qualche rovescio in trasferta dell’Alma Trieste, ma occhio al mercato, perché là fuori ci potrebbe essere il jolly che ti fa arrivare in serie A.

Annunci

Pubblicato il gennaio 25, 2018, in BASKET TRIESTINO, HighFive, News con tag , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: