Annunci

L’Alma si riveste da corazzata, Ravenna è battuta nettamente

CAVALIEROUna partita psicologicamente fondamentale in casa Alma Trieste: di fronte l’Orasì Ravenna, il cliente più fastidioso dal punto di vista tattico da affrontare per un gruppo orfano di Javonte Green, Matteo Da Ros.

Prevedibile inizio balbettante per i padroni di casa, Rice abusa del maggiore tasso tecnico rispetto alla difesa spigolosa di Coronica: 2-6. Laurence Bowers manda subito segnali di leadership in assenza di Green e Da Ros, c’è il contro break e vantaggio interno firmato Janelidze. E’ proprio il georgiano-italiano ad incidere, moto d’orgoglio dopo l’infausta presenza in quel di Bologna: 6 punti per lui e 11-8 a metà prima frazione. La difesa ravennate è lontana parente di quella delle occasioni migliori, capitan Coronica con una tripla scava il primo minimo solco sul +6 Alma. Bowers e Coronica sono argento vivo offensivamente, dalla parte opposta il solo Rice ha l’aggressività necessaria per tenere in linea di galleggiamento i suoi: 23-16 e primo quarto chiuso. Raschi pennella un paio di assist di pregevole fattura, Orasì che reagisce e rianima un linguaggio del corpo apparso spento; le rotazioni ordinate da coach Dalmasson non spengono l’energia dei quintetti, Alma in controllo del match con tripla di Janelidze e +15 sul tabellone. Antimo Martino ingaggia un duello con la terna arbitrale più che altro per svegliare i suoi e il risultato è un mini parziale a favore di Ravenna: 38-27. Piovono triple sugli ospiti, Giga Janelidze è l’americano di scorta biancorosso (14 pt.), squadre all’intervallo con un eloquente 49-36.

La classe operaia in paradiso, Prandin e Coronica non smettono di stupire la platea dell’Alma Arena; sul +15 però si registra il terzo fallo puerile di Bowers e il mini-break ravennate 0-6, con time out immediato di Dalmasson. Tanti rimbalzi offensivi per gli ospiti, non sempre capitalizzati ma sul tabellone a metà frazione c’è scritto 55-48. Due falli consecutivi pesanti (terzo complessivo) di Rice, “Lobito” Fernandez rientra giusto per piazzare la tripla della sicurezza. Allunga la difesa coach Martino sui 28 metri ma Janelidze non sbaglia più: 21 punti (6/7 da due, 3/3 da tre) e +12 Trieste. Inerzia saldamente in mano ai giuliani, terza frazione chiusa sul 72-57. Tornano a ruggire i leoni bizantini, Rice-Grant fanno male in area pitturata e a 8 minuti dal termine c’è ancora una partita: 72-64. E’ il massimo sforzo prodotto dall’Orasì Ravenna, Lorenzo Baldasso dall’amata linea dei tre punti ricaccia indietro il pericolo, Cavaliero lo allontana definitivamente: 80-66. Ultimi cinque minuti per gli archivi statistici e per un Baldasso esiziale, Alma vince una partita importantissima contro una Ravenna apparsa lontana parente di quella vista lo scorso anno: finisce 97-78 con gloria anche per il giovane Schina (4 pt.), nel convinto applauso dell’Alma Arena.

Raffaele Baldini (www.cinquealto.com)

 

 

 

Annunci

Pubblicato il febbraio 11, 2018, in BASKET TRIESTINO, HighFive, News con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: