Annunci

La Fortitudo sui social e Sky sa già tutto…

ANG_8278Fonte: Il Piccolo a cura di Raffaele Baldini

C’è una Bologna che ride (Virtus ndr) e una che piange, la Fortitudo Bologna. Basketcity è anche tanto movimento sociale, tanto coinvolgimento della gente, in un bar dello sport allargato che non da tregua. Proprio sui principali social network si leggono le più disparate teorie, con alcuni costanti denominatori comuni: il primo fra tutti è il linguaggio del corpo di coach Boniciolli e dei suoi uomini. L’allenatore, secondo tanti tifosi, sembra non crederci troppo, subendo passivamente questa serie con Trieste, senza mettere quella grinta che gli è consueta. Idem i giocatori, apparsi con musi lunghi e per nulla animati da quel furore agonistico visto fino a poco tempo fa con Treviso. Tanti, tantissimi rendono i meriti all’Alma Trieste, caldeggiando i più critici accusatori dell’attuale versione fortitudina ad ammettere serenamente la forza e miglior qualità della compagine giuliana. In quest’ottica c’è insita la convinzione che con la coperta di Linus del PalaDozza si possa pareggiare la serie. Poi ci sono valutazioni che entrano nei meandri della costruzione della squadra, balbettante al punto che ha vissuto diverse correttive in corsa; la tesi dei Candi, Montano, Campogrande che sono giocatori da B2 non regge più, così come la strenua difesa di due americani come Legion e Knox che hanno talento da vendere ma poca “garra”. In ultima analisi la condizione fisica: Matteo Boniciolli e il suo staff hanno perorato con convinzione la teoria del meglio perdere qualche partita in più in stagione regolare per arrivare tarati a dovere nella post-season. Se la pianificazione rispondeva perfettamente alle aspettative nella serie con Agrigento e Treviso, ora con Trieste necessita di un momento di riflessione. Stefano Mancinelli ha fatto camera e cucina in gara 1 per spegnersi inesorabilmente in gara 2, Legion va a sprazzi e solo in attacco, Ruzzier è l’ombra del brillante regista di qualche mese fa e in generale tutto il nucleo dei giovani fa fatica. Tutti sono consci che i metodi del coach triestino sono duri, la linea di demarcazione fra essere pronti per i momenti caldi della stagione e spomparsi inesorabilmente è sottilissima; per molti questa linea è stata varcata nel post gara 4 dei quarti di finale.

E Sky diventa veggente…

Questo quanto comparso nelle didascalie sulla programmazione di gara 4:

IMG-20170601-WA0027

Annunci

Pubblicato il giugno 2, 2017, in BASKET NAZIONALE E INTERNAZ., BASKET TRIESTINO, HighFive, News con tag , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: