Annunci

LA FINALE – Le chiavi di gara 1 (e Tanjevic tifa Trieste)

3dd17e16c4f99364f4814782ccc8a21b_XLSiamo all’atto finale, Virtus Bologna e Alma Trieste di fronte per esaltare nobiltà e grandi cornici di pubblico. Si comincia al PalaDozza, teatro già “masticato” dalla squadra di coach Dalmasson nella precedente serie con la Fortitudo Bologna. Favorita d’obbligo la squadra di coach Ramagli, ma Trieste è l’avversaria più scomoda d’Europa.

Lasciarli anestetizzati – Puoi lavorare quanto vuoi sulle teste dei tuoi giocatori, più farli allenare con 10 pitbull alle calcagna, ma il ritmo partita è qualcosa da consumare sulle tavole parchettate con le condizioni emotive e di contorno di sfide che contano. La Virtus ha vissuto una serena serie con Ravenna e si è intiepidita nei giorni antecedenti gara 1 di finale. Trieste può quindi approfittare della situazione, cercando di allontanare l’ingresso nel match di Rosselli e soci; imperativo quindi andare avanti nel punteggio sin dalla palla a due ed evitare break che possano fungere da detonatore felsineo.

Green…ntoso – Non ho i dati statistici ma la variabile più incidente nella partite positive triestine è l’aggressività di Javonte Green ad inizio partita. Quando l’ala americana attacca il ferro con “cattiveria” cestistica, quando trascina i compagni con l’esaltante fisicità sui due lati del campo, ecco che la macchina sportiva biancorossa viaggia che è un piacere. Se l’approccio ondivago per Green è un fatto di indolenza caratteriale, in una finale è da scongiurare l’apatia, la posta in palio basta ed avanza per motivare anche un cadavere…

Quella sfumatura decisiva… – Trieste a Bologna, un rapporto cresciuto nel tempo ma non completato. Alle Final Eight strepitosi 36 minuti contro la Virtus Bologna e poi un tracollo firmato Lawson. In gara 4 al Paladozza contro la Fortitudo Alma ad un tiro dalla chiusura della serie. Insomma, manca quella sfumatura, quel tiro, quella giocata per portare a compimento una consacrazione strutturale. Attenzione, quel micro aspetto può diventare una voragine qualora diventasse un’ansia da prestazione, un micro aspetto può dividere la fine di una stagione con la finale scudetto (vedi tiro libero sbagliato di Nando Gentile ndr.).

Controllo dei tabelloni – Cittadini e soci hanno sempre sofferto molto la cruda fisicità di espertoni quali Michelori, Rosselli, Bruttini; la verticalità alle volte non basta quando la questione rimbalzi è tutta circoscritta ad un fisico “sportellamento” sotto le plance. Lo ha insegnato Dino Meneghin, il lavoro fatto in area è un concentrato di furberie, di saper prendere posizione ma soprattutto di famelica attitudine per avere la palla a spicchi fra le mani. Finale vuole dire anche esaltazione del lavoro oscuro.

Non dare mai per scontato – Se il roster della Segafredo fa paura per qualità dei singoli, ben più pericolosi sono quei “loschi” figuri che, come serpenti nel deserto, stanno silenti nascosti nell’ombra per attaccare quando meno te l’aspetti. Stefano Gentile, Marco Spissu e Michael Umeh possono giocare gran parte di una gara 1 facendo 0/10 al tiro ed affossarti con 3-4 conclusioni “ignoranti” nel finale. Occhio, questi sono giocatori a sangue freddo…

Boscia Tanjevic tifa Trieste!

Fonte: La Repubblica a cura di Walter Fuochi
Boscia, ti piace questa Trieste finalista a sorpresa?
«Tantissimo, giocano come li farei giocare io. Che sono il più presuntuoso degli allenatori e credo sia giusto fare solo come piace a me. Dalmasson mi somiglia: il più bravo di tutti, in A2, capace in palestra e sveglio in partita. Meriterebbe di stare più su, ma ormai, per fortuna, è diventato triestino. Parla poco e non mette in mostra ambizioni, lavora e fa risultati, sfruttando al 120% il materiale umano che ha. E si fa voler bene dai giocatori. I due americani sembrano nati lì. E io, a Green, ho fatto una proposta».
Sentiamo.
«Ne parlo con la società, lo coccolo un po’ e gli dico: posso darti il passaporto del Montenegro, vieni a giocare da noi. Ti farà bene, alla crescita e al contratto. Perchè questo è uno da top club europei. E intanto giocherà per il Montenegro, con grande entusiasmo ».
Poi, chi sono i migliori della squadra?
«I due neri, per primi. Adoro Coronica, poco talento, grande cuore. Cavaliero, che vidi la prima volta a 14 anni. Pecile, che portai in nazionale. Da Ros, il tocco di classe. Ma faccio prima a dire tutti. Lo scorso anno feci un paio di allenamenti con loro. Un’atmosfera unica. Come li vedi in campo, così lavorano. E non puoi dire che dipendano da uno o due uomini. Tutti fanno, tutti danno ».
La Virtus l’hai vista?
«Poche volte. Sembrano più forti di noi. Ma tutte le squadre, quando vengono qui, sembrano più forti. Prima ci impauriscono, poi perdono. Vediamo stavolta, io tifo Trieste. Poi, la finale è già un traguardo fantastico, ma ascolto in giro che non s’accontentano ».

Raffaele Baldini (www.cinquealto.com)

Annunci

Pubblicato il giugno 13, 2017, in BASKET TRIESTINO, HighFive, News con tag , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: