Stupendo derby di preseason: vince Trieste al fotofinish

20170902_211604_resizedE l’atmosfera autunnale piombata in regione viene scaldata all’interno del palazzo dello sport di Lignano per il primo derby stagionale fra Trieste e Udine. Tanta intensità dall’inizio come prevedibile, vantaggio giuliano 3-7 con canestro di Green. Andrea Benevelli abusa del mis-match con Coronica, Raspino sembra in serata ma il primo time out e di coach Lardo; secondo fallo per il lungo Pellegrino, in oggettiva difficoltà sotto canestro contro Cittadini e soci, la GSA è mantenuta in linea di galleggiamento da medie al tiro di tutto rispetto: 15-18. Juan Fernandez è il manuale della pallacanestro, non ferma il palleggio mai, legge perfettamente i punti deboli della difesa e segna con precisione: 7 punti per lui e Trieste sempre avanti. Dykes entra dalla panchina incidendo subito, Veideman dall’arco porta avanti Udine per la prima volta sul 24-22. Primo quarto degno di una partita di campionato per energia profusa, Udine avanti 26-25. Alma che implode offensivamente, tanti tiri non contestati sbagliati e friulani abili a speculare su una difesa giuliana più incline ad usare le braccia che ad abbassare le gambe; allungo GSA sul +9 con parziale di 8-0, agevolato da una Trieste che non segna più. La squadra di coach Lardo è abilissima a lucrare su palloni sporchi e secondi possessi, il match diventa di una ruvidezza pazzesca, il derby è servito: 35-28. Botta e risposta, bella sfida per essere settembre, si va all’intervallo sul 44-37.

Innescato da Fernandez Cittadini mette 4 punti di notevole importanza, non a caso coach Lardo è costretto al time out immediato preoccupato da una possibile onda biancorossa. Dykes è ispirazione, Veideman è concretezza, la GSA non arretra di fronte a un evidente scatto di reni giuliano: 48-45. Mani addosso da una parte e dall’altra, altro che precampionato, questa è sfida vera fra due squadre che vogliono mandare un segnale ai propri tifosi; Javonte Green esprime una energia fuori dal comune, lotta come non mai in difesa e aggredisce in attacco, Udine però comanda sempre 55-51. Fernandez per il sorpasso con un tiro dai due metri, Green è un extraterrestre fra le tavole parchettate di Lignano. Friulani in confusione stritolati dalla difesa triestina, clima infuocato sugli spalti e terza frazione chiusa sulla tripla di Loschi e punteggio sul 60-66. Federico Loschi ha una voglia pazzesca di dimostrare, difende come mai e attacca con decisione, dalla parte opposta torna il professor Veideman a rimettere tutto in parità a quota 66; ultimi cinque minuti iniziati con il nuovo vantaggio friulano grazie a due liberi di Dykes. Tecnico a coach Lardo segno di una pressione crescente, Green torna a segnare per l’esplosione di gioia dei tantissimi supporters giuliani, chiaro “Hack-a-Pellegrino” per sfidarlo in lunetta: 74-75 a tre minuti dal termine. Ultimo minuto con le due squadre a gettare occasioni al vento e un ultimo pallone per la GSA per vincere con 5 secondi da giocare: palla a Veideman che spegne sul tabellone le velleità di vittoria friulane, vince l’Alma un derby splendido.

Direttore Raffaele Baldini

Pubblicato il settembre 2, 2017, in BASKET TRIESTINO, HighFive, News con tag , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: