Annunci

Treviso è splendida ma Trieste lo è di più: settima meraviglia

ANG_9551Un contesto sempre romanticamente accattivante, Trieste e Treviso di fronte per l’ennesimo derby del triveneto intriso di storia, davanti ad un’Alma Arena esaurita.

Inizio di grande qualità, ispirata vena offensiva delle contendenti il vantaggio ospite con gioco da 4 punti di Imbrò: 5-6. Molto brava la squadra veneta a liberare l’area costringendo a rotazioni vorticose difensive i giuliani, dalla parte opposta Javonte Green è in formato consueto, cioè immarcabile (6 pt.). Bonus speso dalla Dè Longhi dopo cinque minuti di partita, vantaggio triestino con due liberi di Cavaliero sul 14-13. Michele Antonutti è un rientro subito incisivo, qualità assoluta nel primo quarto del derby, con gli ospiti a reagire riportandosi avanti di 4 punti. Implode l’attacco Alma con giocate troppo perimetrali, la personalità veneta è inerzia, il resto lo fa una straordinaria precisione al tiro; prima frazione chiusa sul 23-27. Parziale di 5 a 0 griffato Baldasso, non si smette di martellare i canestri, situazioni agevolate da difese poco inclini agli aiuti difensivi; stupenda intensità sul rettangolo parchettato, John Brown per atletismo domina l’area pitturata, ancora avanti la Dè Longhi sul 35-37. Raddoppi sui pick and roll di Fernandez, rallentare l’ingresso dei giochi dei padroni di casa e il piano partita ospite è perfetto; per tutto il resto c’è Brown che corre in contropiede come una guardia. Tantissima fatica nella metà campo di difesa per l’Alma, forse il primo tempo più complesso da questo punto di vista, Musso dall’arco crea il primo break proprio alla sirena dell’intervallo: 41-50.

Partenza razzo dei giuliani, 10 a 2 per infiammare l’Alma Arena con un Baldasso chirurgico da tre punti; offensivamente partita da categoria superiore, tanti protagonisti dalle qualità cestistiche indubbie, il match torna in equilibrio, 55-56 con i liberi di Green. Ancora Baldasso da tre punti per la quarta bomba e il vantaggio interno nell’inferno del palazzo giuliano, la sfida diventa una Santabarbara dai ritmi folli; torna a segnare Brown, ma entra nel match anche Daniele Cavaliero con due bombe dopo un primo tempo silente. Terzo fallo di Michele Antonutti, tante gite in lunetta da ambo le parti e terza frazione chiusa sul 66-66. Due quintetti con soli italiani in campo per cominciare l’ultimo quarto, una gioia per il movimento cestistico; esce un Cavaliero ma rientra il Baldasso macchina da canestri, una sua tripla lancia l’Alma sul +7. Non molla la Dè Longhi, spettacolare esempio di mentalità da trasferta, un canestro di Fantinelli di forza e siamo 75-72 a 5 minuti dal termine. Aggressività sinonimo di tanti tiri liberi a bonus spesi, la sfida diretta Brown-Da Ros è uno spettacolo nello spettacolo, tripla di Fernandez per il nuovo +5 Trieste; Negri inventa un canestro clamoroso allo scadere dei 24 secondi, c’è ancora vita per i veneti ma nuovamente “Lobito” castiga dall’arco e manda i titoli di coda: vince l’Alma per 91-83 e conquista la settimana vittoria consecutiva.

Raffaele Baldini (www.cinquealto.com)

 

Annunci

Pubblicato il novembre 12, 2017, in BASKET TRIESTINO, HighFive, News con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: