Annunci

Coach Dalmasson: “A Jesi per onorare l’evento, oltre gli acciacchi”

dalmassonFonte: Il Piccolo a cura di Raffaele Baldini

Verso Jesi, verso le Final Eight conquistate dall’Alma Trieste con largo anticipo che sostanziano l’ennesimo passo verso la redenzione a livello nazionale. Una kermesse compressa in tre giorni, tante variabili in ballo e un allenatore, coach Eugenio Dalmasson, pronto a calibrare il gruppo in vista dell’esordio con Tortona.

Coach, come sta la squadra a livello fisico?

“Stiamo continuando le terapie con i giocatori acciaccati. Rispetto alla sfida con Mantova, la nota lieta è il reintegro, parziale, di Matteo Da Ros. Con qualche scampolo di allenamento e se le risposte saranno positive, conto di utilizzarlo a Jesi. Per il resto, in ordine di gravità, Lorenzo Baldasso in recupero lento e Andrea Coronica capeggiano la lista dei monitorati.”

Final Eight: l’obiettivo di oggi coincide con quello di ieri? O alcuni presupposti sono cambiati in virtù della situazione di classifica e di salute?

“L’obiettivo rimane il medesimo, cioè quello di onorare il campo, giocare al massimo ogni partita dimostrando che la presenza a Jesi non è frutto del caso ma di un ottimo lavoro svolto in precedenza. E’ altrettanto vero che la situazione degli infortunati non ci pone ai nastri di partenza nelle condizioni ideali.”

Trieste parte favorita?

“Dire in questo momento che siamo i favoriti sarebbe un eccesso, preferisco dire che ce la possiamo giocare con tutte.”

Ha in mente qualche “esperimento” tattico in vista del rush finale stagionale?

“Stiamo provando qualche soluzione alternativa di ordine tattico, pur considerando che l’eventuale messa in pratica presuppone la presenza di certi giocatori e non surrogati; da questo punto di vista sarà decisivo il materiale umano che avrò a disposizione. Di certo il tipo di competizione e il nostro momento congiunturale porterà diversi elementi ad avere l’occasione della vita per guadagnarsi minuti importanti in vista del prosieguo della stagione.”

Cosa vorrebbe trarre maggiormente da questo fine settimana marchigiano: aumento dell’autostima, vigoria atletica o i meccanismi tecnico/tattici della prima parte della stagione?

“Prima di tutto la consapevolezza, vorrebbe dire che abbiamo confermato il nostro status di squadra da battere. Ciò è dannatamente importante in vista dei prossimi play off, soprattutto a livello mentale. A seguire mi auspico una buona qualità nel gioco, a prescindere dalle condizioni fisiche di alcuni giocatori.”

Tortona avversaria temibile, ora con l’aggiunta di Mirza Alibegovic. Quali i pericoli maggiori?

“Innanzitutto affronteremo una compagine che ha fatto il pieno di autostima, battendo nell’ultimo turno di campionato la capoclassifica del girone Ovest Casale Monferrato. E’ una società ambiziosa che non ha mai lesinato economicamente per rendere competitiva la propria creatura, sarà decisamente un confronto contro un avversario vero.”

Annunci

Pubblicato il marzo 1, 2018, in BASKET TRIESTINO, HighFive, News con tag , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: