Annunci

La partita a scacchi infinita la vince nuovamente Udine, adesso Trieste rischia il primato

20180415_175022_resizedL’attesa è finita, Trieste e Udine di fronte per il secondo atto di un derby sentitissimo. Tutto esaurito all’Alma Arena, biglietti introvabili da giorni ed effetti speciali degni di una sfida d’Eurolega.

Qualche momento di tensione all’arrivo dei tifosi ospiti, sedato dalle forze dell’ordine. Parte forte l’Alma come spesso accade fra le mura amiche, soprattutto con un Mussini in palla lanciato in quintetto: 7-2. Anche Bowers da del “tu” al canestro con tre triple insaccate in un amen, GSA prevedibile nei monotematici isolamenti per Dykes; una gomitata fortuita mette ko momentaneamente Bowers, primo break dei padroni di casa sul 13-4. Entra Troy Caupain in un esordio complesso come del derby, in partita subito con una tripla dall’angolo. Buon momento difensivo per gli ospiti che frutta diverse forzature avversarie, 0-7 di parziale fermato solo dal canestro di Da Ros e dalla sirena della prima frazione: 15-11. Ottime esecuzioni sul lato di Udine con pick and roll puntuali, Pinton in contropiede sigla il pareggio a quota 15, poi la tripla di Bushati per l’entusiasmo dei 500 friulani al seguito.  Caupain con grande personalità non smette di attaccare il ferro quando ha la palla in mano, 7 punti e un vantaggio esterno sul 18-20 che costringe al time out coach Dalmasson. L’Alma difende male su esterni ospiti con punti nelle mani, attacca peggio con testarde soluzioni di Da Ros in area pitturata: 20-26. Javonte Green inchioda una delle sue schiacciate per infiammare la già calda arena, l’esperto coach Lardo però chiama time out ben sapendo i danni che può generare un’azione di quel tipo. Dykes con quattro punti consecutivi si iscrive a referto, inerzia che parla friulano; squadre all’intervallo con una mini spallata giuliana e il punteggio di 32-34.

Altra fiammata GSA di 0-7 alla ripresa delle ostilità, 5 palle perse dai triestini mandano in confusione l’ingranaggio Alma. Matteo Da Ros ferma l’emorragia con un tiro dai cinque metri, ma non c’è scossa vera e propria: 34-41. Bonus speso dai padroni di casa in poco più di cinque minuti, l’oro di Udine però è nella metà campo difensiva, con una convincente versione. Raspino da casa sua infila una tripla dal peso specifico infinito, anche se si registra la quarta infrazione di Diop; Udine non “ammazza” la partita e Trieste non fa niente per recuperare, terzo quarto chiuso con la GSA avanti 44-51 sull’ennesima zingarata di Dykes. Come sempre il treccioluto americano si prende responsabilità infinite, segnando canestri difficili; oltretutto Udine persevera nell’opporre una difesa tignosa e aggressiva. “Bobo” Prandin fa una giocata su Nobile con tuffo che vale il prezzo del biglietto, resta il fatto che l’attacco giuliano è prevedibile come un attacco americano in Medio Oriente. Ancora Bushati da tre punti silenzia l’Alma Arena, ultimi minuti in allungo per la GSA: 48-58. Coach Lardo si gusta il nirvana tattico espresso dai suoi sui 28 metri di parquet, mentre Cavaliero e Mussini provano l’ultimo strenuo tentativo di rimettere in sesto il match: 8 a 0 e 56-59 a 2’36” dal termine. Daniele Cavaliero insacca una tripla da campione con l’uomo addosso per il vantaggio 61-60; Bushati replica dalla lunetta con un 2/2. Javonte Green va in lunetta sul quinto fallo di Mortellaro: 1/2 e l’ultimo pallone è nelle mani di Dykes che sbaglia un tiro dai sei metri: 62-62, overtime. Questa volta è Trieste a giocare bene il pick and roll con Bowers a segnare canestri facili, ma Caupain riporta avanti i suoi con una tripla: 66-67. Green sbaglia una schiacciata che poteva significare inerzia, Dykes invece non perdona. Quinto fallo anche di Diop, Bowers va in lunetta a 21″ dal termine: 2/2 e tabellone che segna 71-69. Attacco friulano con servizio a Benevelli che sbaglia da tre punti con rimbalzo offensivo ospite per un canestro di Raspino: 71-71, secondo supplementare. Ineffabile Dykes che confeziona una giocata da tre e poi una tripla: 73-77. Daniele Cavaliero consuma il suo quinto fallo di pura frustrazione, la GSA domina i cinque minuti di extra-time e porta a casa un successo di fondamentale importanza: finisce 79-85, per l’Alma Trieste ora il primato passa per…Montegranaro.

Raffaele Baldini (www.cinquealto.com)

 

 

Annunci

Pubblicato il aprile 15, 2018, in BASKET NAZIONALE E INTERNAZ., BASKET TRIESTINO, HighFive, News con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: