Le chiavi di gara 1: controllo dei rimbalzi, 80 minuti e Darius Thompson

Fonte: Il Piccolo a cura di Raffaele Baldini

Finalmente cominciano i playoff, finalmente si alza l’asticella del pathos: le otto migliori d’Italia di fronte per lo scudetto. L’Allianz Trieste vola in Puglia per un “back-to-back” a casa della “bestia nera” Happy Casa Brindisi, giunta seconda in campionato solo per un problema legato al CoVid.

“Animali” da rimbalzo

“Suste” si direbbe a Trieste, ma più preciso dire giocatori con verticalità, fisicità, attitudine ad aggredire il ferro e soprattutto facenti parte di una squadra che trova ottime soluzioni offensive, quindi anche ottime situazioni a rimbalzo d’attacco. Se addirittura nella NBA ci sono allenatori che denunciano la sparizione del fondamentale del “tagliafuori”, ecco che Delia e soci devono rinverdirlo, concentrandosi sul diretto avversario, allontanandolo dall’area pitturata, per poi prendere l’”arancia”. Quando si alza l’asticella delle difficoltà, le sfumature contano e soprattutto non bisogna dar niente di scontato.

108 motivi per cui Brindisi sta bene

Se qualcuno ipotizzava una Happy Casa Brindisi ancora convalescente post CoVid, si è visto rispondere con 108 punti segnati dalla compagine di Frank Vitucci alla malcapitata Openjobmetis Varese. Attenzione però, la lettura può essere inquadrata in un rovescio della medaglia: quando si è in ripresa il primo aspetto fisiologicamente nelle corde dei giocatori è quello di inebriarsi nel sentire il rumore del nylon di un pallone che entra, facendosi trascinare dalla parte più “comoda” e gradevole del gioco. Abbinare l’aspetto offensivo a quello difensivo diventa complesso, soprattutto se Trieste sarà in grado di impegnare i pugliesi. Cavaliero e soci devono creare le condizioni per far faticare e fiaccare gli uomini di Vitucci, un moto perpetuo da consumarsi in 80 minuti (almeno) di sana battaglia sul parquet.

80 minuti

Nulla, dico nulla deve essere lasciato al caso. Da evitare assolutamente l’imbarcata, ma non solo perché lede il morale in proiezione, non solo perché ovviamente è il viatico alla sconfitta, ma soprattutto perché permette a Brindisi di prendersi energie in vista dell’impegno successivo. Lavorare sulla testa vuol dire anche essere consci che un lavoro apparentemente fine a sé stesso in gara 1, potrebbe risultare la variabile incidente di gara 2. Come dice il maestro Valerio Bianchini, giocare due sfide di playoff in 48 ore vuol dire sfuggire ad ogni logica sportiva ortodossa, vuol dire stravolgere il gioco…tutto sta a capire a favore di chi e a scapito di chi.

Darius Thompson

Anima, leader cattedratico della Happy Casa Brindisi. Dalla sua sapiente regia e dalle letture praticamente perfette sui 28 metri di parquet tutto l’argento vivo della versione offensiva pugliese. Quando lo si lascia giocare, diventa esiziale e non c’è scampo per le avversarie, anche perché non è solo produzione di punti o di falli subiti, ma di tante piccole cose per innescare i compagni.

Pubblicato il maggio 13, 2021, in BASKET NAZIONALE E INTERNAZ., BASKET TRIESTINO, HighFive, News con tag , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: