Pagelle Allianz: uno strazio, squadra sulle gambe e senza orgoglio

Fonte: Il Piccolo a cura di Raffaele Baldini

JUAN FERNANDEZ, voto: 4/5

Paradossalmente l’argentino con due settimane di lavoro senza partite, torna più stanco e imballato di prima. Pajola imbarazza il “lobito” per differenza fisico/atletica, anche se Juan prova a reagire nel terzo quarto, invano. L’unica nota lieta per lui è la riapertura dei parrucchieri con la zona arancione.

MILTON DOYLE, voto: 4

E’ fra i più volitivi nei primi venti minuti (figuratevi gli altri), il problema è che se non entrano le triple, la sua forza nell’uno contro uno è pari ad un moscerino che si schianta sul parabrezza in autostrada. 3/11 dal campo, qualche “cross” attentando alla salute dei giornalisti a bordo campo.

MARCOS DELIA, voto: 4

Anche lui esageratamente sotto tono fisico, stava meglio quando aveva problemi alla caviglia. Più statico di un palo a largo della spiaggia gradese, è dominato su tutti i 28 metri dai diretti avversari.

TOMMASO LAQUINTANA, voto: 4

La finta, la virata e il tiro da tre punti dall’angolo è il manifesto della sua stagione: un campionario di bestialità tecniche. Qualche fiammata in entrata ricordando i bei tempi che furono, poi tanta confusione e zero regia.

DAVIDE ALVITI, voto: 5/6

Per trovare un tiro utile come sempre deve risolvere un’equazione di quarto grado; decide quindi di recuperare 4 palloni per provare a mettersi in ritmo, ma la serata è agro-dolce balisticamente. 9 punti, 2/7 dal campo e il simbolo di un tiratore non messo nelle condizioni di offendere.

MATTEO DA ROS, voto: 6/7

Il migliore, animato forse dallo spirito da ex. Segna 11 punti, con 3 triple e 6 rimbalzi, un linguaggio del corpo adeguato. In pratica un’oasi nel deserto.

ANDREJS GRAZULIS, voto: 5/6

Gioca su una gamba sola e si vede, non si può chiedergli niente di più. Nei suoi minuti di campo ci sono nettamente più attributi che in buona parte del gruppo in una stagione.

DEVONTE UPSON, voto: 5

Due falli interrompono un ottimo primo tempo, sia come intraprendenza offensiva che come impegno difensivo su Gamble. Poi si spegne con tutta la squadra, senza mostrare nemmeno un minimo di atletismo per dare un senso ad una partita di basket.

MYKE HENRY, voto: 4

Approccia al match come un cestista da torneo estivo  in infradito con cappello di paglia in testa; segna qualche punto (con infrazione di doppio palleggio non fischiata), esce dal campo con un sorrisetto e un paio di triple… indisponenti. Toglie lo scettro dell “Mvp del babbo morto a Doyle”.

DALMASSON, voto: 4

L’allenatore chiamava all’appello “uomini veri”, invece ha trovato delle controfigure con un atteggiamento cartonato. La domanda sorge spontanea: in due settimane cosa è stato fatto? Zero idee, zero “cattiveria” agonistica e nessuna reazione alla lezione delle seconde linee virtussine. Se questo è l’inizio del rush finale…

Pubblicato il aprile 12, 2021, in BASKET NAZIONALE E INTERNAZ., BASKET TRIESTINO, HighFive, News con tag , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: