Trento scaccia la crisi battendo Trieste, che ora ha anche il problema Konate

Due squadre in crisi che si affrontano per scacciare i fantasmi. Trento e Trieste per quaranta minuti in apnea, match in cui le variabili tecnico/tattiche possono essere secondarie rispetto all’approccio e alla voglia di superare il momento a dir poco complesso. Allianz con Ty-Shon Alexander fuori rosa, decisione presa in virtù della volontà societaria di trattare la rescissione contrattuale.

Partenza di fuoco per gli ospiti con due triple di Banks e Mian per lo 0-6 Allianz; Trento prova a giocare monotematicamente su Williams in avvicinamento al ferro, ma le polveri bagnate non consentono ai padroni di casa di restare a contatto. Reazione trentina con tripla di Reynolds, ma anche sulle ficcanti penetrazioni di Flaccadori, ma Banks dalla parte opposta è caldissimo: 9-18 e time out coach Molin. Tanti errori non provocati per i neri di casa, solo Flaccadori è il terminale credibile a cui affidarsi nei momenti complessi, supportato da Williams, contro parziale e tabellone che segna 18-22. Entra nel match benissimo Bradford, la difesa triestina batte in testa e il primo quarto si chiude con l’Allianz avanti 22-26. Anche Corey Davis sul pezzo in casa giuliana, ma è sempre la lettura del “pick and roll” trentino a far patire le pene dell’inferno nella metà campo di fatica; capitan Cavaliero dall’arco per il nuovo +9 esterno, mentre la Dolomiti Energia fatica da matti a trovare il canestro. Terzo fallo di Toto Forray in un rapporto difficile con la terna arbitrale, ma Trento si rimette in scia con un fisico Caroline: 30-33. Torna Banks e il “pistolero” fa male ancora dall’arco e in velocità, nuovo scatto Allianz sul +8, divario limato sul 40-42.

Spinge Trieste alla ripresa delle ostilità con i soliti noti, Banks e Grazulis su tutti: 40-47. Cerca di mettersi nel match Reynolds con testardi tiri da oltre l’arco dei tre punti, dispiegando il tappeto rosso agli ospiti per il nuovo parziale di 0-9. Secondi e terzi possessi non vengono capitalizzati da Flaccadori e soci, mentre Lever da tre ricaccia indietro i trentini: 43-54. Si alza il volume della radio in fase difensiva della Dolomiti Energia, e come sempre si mette in ritmo l’attacco: Reynolds da tre punti per il -4. Primo momento complesso per Trieste e la terza frazione si chiude con un super canestro di Bradford e match completamente riaperto: 58-61. Diego Flaccadori pareggia con tripla e sorpassa con un canestro da due (anche se con 4 falli a carico), infiammando il palazzo trentino, per una inerzia che sembra prendere la strada dei padroni di casa. Palle perse (14) in casa giuliana rafforzano l’onda d’urto dell’Aquila, anche se un paio di giocate scellerate regalano il vantaggio Allianz con Mian sul 64-65. Torna Flaccadori e incanta in penetrazione, protagonista assoluto della sfida con svariati canestri; cambi di padrona nella partita, fantastico finale iniziato con tripla di Reynolds e 69-67 sul tabellone. Corey Davis non ci sta e segna 5 punti di fila, dalla parte opposta Caroline fa 1/2 dalla lunetta per il pareggio a quota 72. Ancora Davis con un canestro pazzesco dai sei metri, Flaccadori va in lunetta in due occasioni: 3/4 e Trento avanti 75-74 a 18″ dalla fine. L’ultimo pallone è nelle mani di Banks che addormenta l’azione e costringe un tiro impossibile a Lever; la Dolomiti Energia esce dalla crisi, Allianz ancora nel tunnel e con il problema Konate.

Raffaele Baldini

Pubblicato il marzo 27, 2022, in BASKET NAZIONALE E INTERNAZ., BASKET TRIESTINO, HighFive, News con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: