Le chiavi contro Pesaro: piccole conquiste all’interno dei 40 minuti

Quando due depresse si incontrano, cosa ne può scaturire? Certamente una sfida dalla forte connotazione mentale; Trieste e Pesaro sono due realtà in crisi, sia fisicamente che psicologicamente. L’approccio dei due allenatori in vista della partita di questo pomeriggio è stato diametralmente opposto: coach Dalmasson non  ha alimentato tensioni, coach Repesa ha messo tutti di fronte a responsabilità, lui compreso.

Approccio alla partita

E’ evidente che se l’Allianz approccia al match come l’ultima uscita in terra trentina, la sfida si può chiudere nel primo quarto. Nel tentativo di recuperare l’autostima il primo passo è quello di acquisire anche piccole certezze durante il cammino. Comandare dalla palla a due il match vorrebbe dire mettere un tarlo nella testa dei marchigiani, mortificare il loro tentativo di reagire al momento negativo. Serve tanta applicazione, serve concentrazione, serve eseguire ogni movimento sul parquet con ferma convinzione.

Tommy Laquintana, l’occasione stagionale

Non è stata una stagione facile per Tommy Laquintana, ma è lui stesso a rendersene conto. Con l’infortunio di Juan Fernandez (probabile non utilizzo), l’esterno da Monopoli ha un’occasione d’oro; la sua regia potrebbe portare ai playoff la squadra, per un finale di stagione rigenerante. Anche per lui il concetto è di non strafare (sinonimo di deragliare quando si è sotto pressione), ma lasciare che il match venga a sé. Più Laquintana sarà calibrato, più coach Dalmasson non dovrà attingere alla fragile regia di Milton Doyle o consumare Daniele Cavaliero.

Atletismo degli esterni

Dando per scontato l’apporto del lungo Tayler Cain, il pericolo maggiore per Trieste è rappresentato dall’indolenza difensiva sugli esterni. Justin Robinson, Paul Eboua, Frantz Messenat e Henri Drell possono rappresentare pericoli con il binomio velocità/atletismo; sono giocatori in grado di colpire dall’arco ma anche di attaccare il ferro con buona aggressività. Se Henry soprattutto, difende come le ultime uscite, qualcuno di loro avrà una serata da ricordare negli archivi statistici.

Variare una logica tattica capita ormai da tutti

Giocare con insistenza in post-basso, peraltro senza muovere la difesa, è un affare poco producente. Trieste non ha lunghi offensivamente dominanti (vedi Cain, Bilan, Watt), quindi non crea vantaggi; meglio servire Delia e soci in soluzioni dinamiche, come è stato fatto in un paio di occasioni con Trento nel secondo tempo. In ultima battuta, che un’eventuale rimonta non debba passare per lo sterile passing- game a nove metri da canestro con tiro da tre forzato, altrimenti Pesaro avrebbe comoda gestione.

Pubblicato il aprile 18, 2021, in BASKET NAZIONALE E INTERNAZ., BASKET TRIESTINO, HighFive, News con tag , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: