Le chiavi per il “monday-night”: l’amato Parks, lunghi da attaccare e il primo match senza Fernandez

.

Insolito “Monday-night” per la pallacanestro con la sfida fra la GeVi Napoli e l’Allianz Trieste; la prima partita senza Juan Fernandez, i partenopei con Luca Vitali in cabina di regia dopo l’addio a Jeremy Pargo.

Jordan Parks

Trieste non ha i giocatori per fermarlo, ha una squadra per limitarlo. Imperativo non farlo correre sui 28 metri, è totalmente devastante. Poi sarà fondamentale il gioco di “aiuti” difensivi nell’attacco al ferro, perché il dinamismo e la verticalità possono essere “disturbati” costringendo l’ex Trieste ad essere meno istintivo e a dover attingere alla tecnica di base.

Senza Juan… con Juan!

Sarà la prima partita senza vedere in campo l’andamento “alla John Wayne” e l’inconfondibile figura del “lobito” Fernandez, un uomo prima che giocatore simbolo dell’ultima, nobile versione della Trieste cestistica. L’onda lunga emotiva che ha accompagnato il suo mesto allontanamento dalla squadra non può non aver segnato il gruppo. Come sempre ci sono due modi di reagire ad una situazione simile: si può scivolare in una tristezza infinita, figlia del vuoto emotivo creatosi nell’ambiente, oppure giocare per un compagno di squadra (perché rimarrà sempre un compagno di squadra) e vincere anche per lui.

Lunghi da attaccare in movimento

Reginald Lynch e Andrea Zerini sono lunghi di complemento all’impianto offensivo napoletano, quasi esclusivamente a trazione esterna. Soprattutto l’americano però è presenza fisica in area ed ha un buon senso della posizione; ideale per Trieste sarebbe attaccarlo in movimento, costringerlo a muovere i piedi, in quanto meno dinamico di altri pari ruolo.

Quanta autonomia di Luca Vitali?

Napoli e coach Sacripanti hanno fatto una scelta chiara: prendiamo Luca Vitali per dare ordine ad una regia improvvisata da guardie dall’istinto realizzativo e dal poco “fosforo”. Soprattutto Pargo, ma anche Velicka, hanno rappresentato giocatori prestati alla causa, rendendo non sempre fluido e sensato l’attacco GeVi. Ora le chiavi sono in mano ad un playmaker vero, con mesi di inattività però e ritmo partita da acquisire. Quanto incisivo sarà il neo-arrivato?

Pubblicato il gennaio 31, 2022, in BASKET NAZIONALE E INTERNAZ., BASKET TRIESTINO, HighFive, News con tag , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: